Donne, non andate a rifarvi nelle cliniche da 70.000 euro a settimana: siete bellissime così!

La follia dell'antiage è un'industria fiorente negli Stati Uniti, ma anche in paesi europei come la Gran Bretagna o la Svizzera. Non si può negare alle donne il diritto di difendere il proprio corpo, ma rifarsi è un'autodistruttiva stupidità

Valeria Marini Rifatta E Senza Trucco Al Grande Fratello Vip 752X440
22 Dicembre Dic 2017 1300 22 dicembre 2017 22 Dicembre 2017 - 13:00

Fino a 70mila euro per una settimana, in una lussuosa clinica degli Stati Uniti, per avere l’illusione perduta di non invecchiare. L’antiage è diventata una delle più fiorenti industrie, specie negli Stati Uniti, ma anche in paesi europei come la Gran Bretagna o la Svizzera, del tempo contemporaneo, quello nel quale non accettiamo il naturale consumo dell’età e sfidiamo qualsiasi legge della Natura, rimuovendo perfino l’idea stessa della morte. Uno spreco di soldi, per chi li possiede, e lo dico senza alcuna invidia, ma anche di estetica, di bellezza, di senso della vita.

Queste cliniche, per esempio ho visto come funziona il Montreaux Medical Center, dove con percorsi tutti a cinque stelle si passa dall’utilizzo di staminali a banali interventi disintossicanti, mi ricordano altri luoghi dello spreco assoluto che ho visitato. Per esempio, e parliamo ancora di cliniche esclusive, luoghi dove dicono, poi la cosa è tutta da dimostrare, che ti curano dallo shopping compulsivo, come se fossi un drogato, un alcolista, oppure un obeso. Tutto secondo l’identico meccanismo: prima diventi una persona compulsiva, poi ti innamori dell’idea di poterti curare grazie al denaro, ci provi, hai la sensazione di migliorare e poco dopo si ricomincia daccapo. Altro giro della speranza, altro ricovero e altre spese.

Nessuno, tantomeno un maschietto come me, può negare alle donne il diritto di difendere il proprio corpo, e innanzitutto la pelle che si va consumando. Ma cedere alle labbra gonfie come dei canotti, imbottirsi di prodotti chimici, sfidare qualsiasi legge della medicina e della scienza in generale, è davvero un gesto che sconfina in autodistruttiva stupidità.

Il corpo della donna, tra l’altro, con la sua misteriosa ricchezza e vitalità, ha sempre qualcosa da dare, innanzitutto alle stesse donne, da mostrare, e da scoprire, a qualsiasi età. E un conto è utilizzare prodotti a basso impatto, o piccoli interventi mirati, per obiettivi antiage, altra cosa è diventare schiavi di questa illusione. Sfido chiunque a fare fatica nel trovare un volto, e la lista è infinita, a partire da alcune celebrità (avete presente Sharon Stone?), di donne ancora meravigliose a 60, 70, 80 anni. Belle. Fuori e dentro. Affascinanti, fornite di quella grazia che il corpo non cessa mai di esprimere, di una ruga che riesce, nonostante il marchio dell’età che avanza, ad esprimere il fascino integro di uno stile, di una personalità, di una dimensione femminile che per noi uomini resta inarrivabile.

Continua a leggere su Non Sprecare

Potrebbe interessarti anche