Vuoi fare i soldi? Fai il cialtrone, funziona

Se sei bravo, con un pizzico di cafonaggine il mondo cade ai tuoi piedi. Questa storia di ordinaria follia ti insegna come

Il Cafone
22 Dicembre Dic 2017 1110 22 dicembre 2017 22 Dicembre 2017 - 11:10

Un paio di settimane fa ero a cena con un caro amico. In Europa è quello che ne sa di più sui flussi automatizzati per la pre-stampa. Lo dicono le aziende che producono i software per creare i programmi che generano questi flussi. È un fenomeno. Ma quella sera si lamentava della fatica che fa per trovare nuovi clienti. È estenuante superare il filtro dei vari sottoposti. Con l’aggravante che vende una roba tecnicamente complicata – difatti anche voi non avete mica capito cosa vende, ma fa niente, il senso della storia è un altro – quindi già la segretaria che risponde al telefono inizia a balbettare innervosita Flussi cosa? E lo sfancula dicendo di mandare una mail a info, chiocciola, pincopallino, punto, com e arrivederci. Allora al mio amico ho detto che okay è il numero uno nella gestione dei flussi ma nel “new business”, ovvero nella ricerca di nuovi clienti, è un dilettante e sono partito a raccontargli come faceva il Re dei Cialtroni quando lavoravo per lui. Il Re dei Cialtroni aveva un’agenzia di relazioni pubbliche che si occupava di uffici stampa economico-finanziari. Il Re chiamava al telefono e voleva parlare con l’amministratore delegato – non di una Srl, di un gruppo da 500 milioni di fatturato con 2mila dipendenti – e non conosceva nessuno dall’altra parte della cornetta e spesso ci riusciva, non a parlare, a prendere appuntamento e a portare a casa il contratto con quell’azienda. Con la voce quasi scocciata di quello che non ha tempo da perdere iniziava dalla segretaria, dal responsabile marketing o da quello della comunicazione, poco importava il ruolo dell’interlocutore. Lo schema era il seguente. Sono il Re dei Cialtroni, o meglio, diceva il suo nome e cognome (vero). Sono un giornalista (vero, nel senso che il patentino dell’Ordine ce l’aveva). Lavoro per un’agenzia che seleziona le notizie da far uscire sulle pagine economico-finanziarie dei grandi media italiani (vero, più o meno, a seconda di come vedevi la questione). E la scalata al portafoglio dell’amministratore delegato iniziava con la segretaria che, quasi tranquillizzata, diceva: “Allora è per un’intervista?”. “Sì, per una serie di interviste” era la risposta scocciata del Re (vero, almeno potenzialmente). E da lì, con un crescendo di verità al confine delle balle, riusciva a superare ogni filtro, fino a parlare con l’a.d. e spesso a tramutarlo in appuntamento e quattro o cinque volte l’anno a farlo diventare un contratto da almeno 35mila euro a salire fino al jackpot della tariffa massima: 50mila cucuzze.

Continua a leggere su Pangea

Potrebbe interessarti anche