Investire in euro o in dollari? Istruzioni per gestire il rischio valutario

Data la natura ambivalente del rischio valutario, la soluzione più semplice, per chi scegliesse la diversificazione globale come strada per generare profitti, è quella della proporzionalità

Euro Coin Dollaro Linkiesta

PHILIPPE HUGUEN / AFP

PHILIPPE HUGUEN / AFP

29 Dicembre Dic 2017 1105 29 dicembre 2017 29 Dicembre 2017 - 11:05
WebSim News

Quali sono gli effetti di mutamenti del tasso di cambio sulle valute? In altre parole, in cosa consiste il rischio valutario? Immaginate un investitore residente in Italia, che acquista quindi i propri strumenti utilizzando l’euro. Per questo investitore acquistare dei titoli statunitensi creerebbe un’esposizione considerevole rispetto al dollaro per via del grande peso che la divisa statunitense ha sui mercati globali. Ciò vuol dire che se il dollaro perde di valore nei confronti dell’euro gli investimenti in dollari perderanno di valore con esso, e viceversa, se il dollaro si rafforza si avrà un effetto positivo sulla valutazione degli strumenti in dollari. Evidentemente il rischio valutario (come ogni rischio) è un’arma a doppio taglio: esso può condizionare negativamente la performance ma può anche portare rendimento extra, a seconda della direzione in cui andrà il tasso di cambio. La sfida per l’investitore è dunque quella di trovare l’esposizione valutaria migliore per ottimizzare il rapporto rischio/rendimento del proprio investimento.

(...)

Continua a leggere su Moneyfarm

L’esposizione valutaria è un problema di natura ambivalente o intermittente: può penalizzare l’investire, come può premiarlo. La tendenza del tasso di cambio è però quella di compensarsi nel lungo termine. Quindi? Un’opzione efficiente per l’investitore è quella della diversificazione valutaria con gli opportuni correttivi per limitare la volatilità

Potrebbe interessarti anche