Omaggio a Lewis Carroll, il genio della matematica che divenne celebre con i libri

Celebre autore di "Alice nel Paese delle Meraviglie", moriva 120 anni fa. Studioso di matematica, appassionato di fotografia Lo ricorda una bella infografica

Lewis Carroll 1863
13 Gennaio Gen 2018 0745 13 gennaio 2018 13 Gennaio 2018 - 07:45

Tutti lo conoscono come scrittore, ma Lewis Carroll (che in realtà si chiamava Charles Lutwidge Dogdson) era, prima di tutto, un genio della matematica. Si era distinto fin dalla tenera età per le sue letture (non al livello di quelle di Newton, ma senza dubbio di altissimo livello). A scuola affrontava ogni materia con estrema facilità. “Non ho mai conosciuto un ragazzo promettente quanto lui da quando sono in questa scuola”, diceva il suo professore di matematica. E all’università, a Oxford, era sempre il primo. Visse di borse di studio e di assegni universitari: studiava poco, ma era, appunto un genio. E non faticava mai.

Nonostante abbia pubblicato, sotto il suo vero nome, almeno una quindicina di libri di matematica, sia riuscito a dimostrare un teorema e abbia scoperto il “Regresso di Bolzano-Carroll”, è famoso nel mondo per aver scritto Alice nel Paese delle Meraviglie, risultato dell’abitudine di accompagnare in gita in barca le figlie di Henry Liddell, il rettore del collegio, raccontando loro storie inventate.

Uno degli aspetti più controversi di Carroll, almeno nelle biografie successive, è la sessualità. Secondo alcuni studiosi sarebbe stato pedofilo: un aspetto messo in evidenza dalla grande quantità di fotografie/ritatti (era anche un fotografo) di bambine. La tesi, però, sarebbe stata smentita da studi successivi. Prima di tutto, perché gran parte dell’archivio fotografico dello scrittore è stato distrutto da Carroll stesso, e comprendeva un’ampia varietà di immagini di adulti. Poi perché la forte presenza di bambini nudi nel suo repertorio di immagini non è segno di una preferenza sessuale dell’autore ma, al contrario, testimonia il diverso approccio della mentalità vittoriana alla nudità infantile, considerata del tutto de-sessualizzata e simbolo di innocenza e purezza (ad esempio, anche le cartoline di auguri mettevano, in bella mostra, bambini nudi). Infine, perché tutte le tracce scritte di sue relazioni con donne adulte (che c’erano ma provenienti da strati sociali compromettenti) sono state distrutte dalla famiglia per preservare la sua reputazione.

Insomma, Carroll è Carroll. Un genio, uno scrittore e un grande personaggio della cultura occidentale, come ricorda questa infografica di Stampaprint fatta in occasione dei 120 anni dalla sua morte. Un autore che conserva qualche ombra, ma di sicuro si può leggere Alice senza temere di incontrare un Weinstein del secolo passato.

Potrebbe interessarti anche