Nabokov ha raccontato meglio di tutti la tragedia del Polo Sud

La spedizione di Robert Falcon Scott, battuto da Amundsen per pochi giorni, e morto con tutti i suoi sulla via del ritorno. Un inedito di Nabokov racconta questa tragedia

Il Gruppo Di Scott Al Polo Sud
2 Febbraio Feb 2018 1105 02 febbraio 2018 2 Febbraio 2018 - 11:05

Il luogo letterario dove vorrei traghettare la mia vecchiaia si chiama Zembla. Zembla è il cuore sinistro del più eccentrico romanzo del Novecento. Lo ha scritto Vladimir Nabokov. S’intitola Fuoco pallido. Anno di grazia 1962. Il romanzo, di fatto, si snoda attraverso le note redatte da Charles Kinbote al poema, in 999 versi, del celebrato lirico americano John Shade, che s’intitola Fuoco pallido, appunto. Kinbote è l’erede del re di Zembla, “mia amata patria”, “una regno di pace e di eleganza”, dove “fiorirono le arti gentili e le scienze pure” e “armonia, sì, era questa la parola d’ordine del regno”. Nella geografia nabokoviana, Zembla adombra l’Eden russo prima della Rivoluzione. Risposta banale.Questa “remota contrada nordica” con il nome di Nuova Zembla è censita nei reperti geografici dell’era dei lumi. “Gli Olandesi pretendono di essere stati i primi a scoprire questa Terra nel 1594 cercando il passaggio per l’Oceano Settentrionale per andare per là nel Giappone, e della Cina, ma ne furono impediti dai ghiacci” (Istruzioni di Commercio e suo stato antico, e moderno, Napoli, 1804).

CONTINUA A LEGGERE SU PANGEA

Potrebbe interessarti anche