Dario Fo: «Sono un attore dilettante e un pittore professionista»

“Dario Fo: dal disegno alla scena” ci restituisce un Dario Fo pittore e più intimo della sua rappresentazione usuale. La mostra è composta da una selezione di dipinti e materiali estrapolati dal percorso di ricerca e di stesura di una delle sue opere

Dario Fo Pittore Linkiesta
14 Febbraio Feb 2018 0745 14 febbraio 2018 14 Febbraio 2018 - 07:45

Disegni usati come canovaccio, appunti manoscritti, bozzetti riportati su tela, sagome usate sul palco durante i monologhi per dare un volto ai personaggi: le varie fasi del lavoro di ricerca del Premio Nobel che compongono la mostra “Dario Fo: dal disegno alla scena” allestita, dal 23 febbraio, presso il Museo e i Giardini di Pitagora, a Crotone.

Un evento prestigioso per la valorizzazione e la promozione del sistema dei beni culturali in Calabria, che si terrà in una struttura museale divenuta un considerevole palcoscenico delle attività culturali della città di Crotone grazie all'impegno quotidiano del Consorzio di Cooperative Sociali “Jobel”.

Vincitore di numerosi premi internazionali, il Museo di Pitagora svolge da anni la primaria funzione di promozione della città pitagorica nel circuito internazionale del turismo culturale attraverso la valorizzazione dell’identità storico-scientifica del filosofo di Samo. Garantendo una proposta articolata che affianca scienza, arte, natura, storia, filosofia, matematica, musica, privilegiando le suggestioni, la ricerca dell’armonia e la fusione tra le varie discipline, si è così registrata una crescita esponenziale dei visitatori del museo: migliaia di studenti crotonesi ma anche provenienti da fuori regione e dall’Italia intera, turisti giunti in città sulle orme di Pitagora, giornalisti giapponesi per un documentario sul filosofo di Samo e cittadini che ignoravano l’esistenza del Museo e Giardini di Pitagora.

La condivisione del presente progetto tra il Comune di Crotone e il Consorzio Jobel consente, dunque, di alimentare le produzioni culturali già in atto, ma soprattutto a sperimentare nuovi prodotti e servizi culturali.

Nello specifico, la mostra “Dario Fo: dal disegno alla scena”, composta da una selezione di dipinti e materiali estrapolati dal percorso di ricerca e di stesura di una delle sue opere “La figlia del Papa”, permette di evidenziare l’applicazione della dinamica narrativa dell’artista finalizzata alla rivelazione di un altro punto di vista, di una nascosta verità, o per dirlo con le sue parole: “In tutte le storie famose, come quella dei Borgia, si trovano sempre diverse versioni del dramma. Nella maggior parte dei casi, però, si scopre un intento deformante, soprattutto dal punto di vista storico. Personalmente non ho fatto altro che ricercare la verità”.

Dunque, è un Dario Fo meno conosciuto, per certi aspetti addirittura insospettabile, quello che sarà presentato a Crotone: non il giullare della cultura italiana, come amava definirsi, né l’istrionico inventore del grammelot, la lingua usata in ‘Mistero buffo’, né tantomeno il vincitore del Premio Nobel per la Letteratura (1997), bensì un Dario Fo più intimo, da cui parte l’intera essenza del suo contributo – da protagonista – alla cultura italiana, europea ed internazionale: la pittura.

Dico sempre che mi sento attore dilettante e pittore professionista. Se non possedessi questa facilità naturale del raccontare attraverso le immagini, sarei un mediocre scrittore di testi teatrali, ma anche di favole o grotteschi satirici”, più volte ha ricordato il Maestro, ripercorrendo gli anni giovanili all’Accademia di Brera dove scelse di studiare. Anche se, quando si trovò a scegliere la strada del suo futuro, non puntò sulla pittura. Il suo talento – unico - nel narrare storie lo avvicinò al mondo del teatro dove incontrò Franca Rame, figlia d’arte, e con cui avviò, per oltre cinquanta anni, uno dei più collaudati e fecondi sodalizi artistico-culturali del panorama nazionale e internazionale. Una carriera dedita al mondo della cultura e del teatro che sembra aver messo in ombra quello che Dario Fo è sempre stato: un pittore, seppur in realtà la pittura non lo ha mai abbandonato. Dietro ad ogni stesura di un’opera teatrale e letteraria vi erano prima di tutto un disegno e un quadro. Tutte le opere di Fo, infatti, dimostrano una grande conoscenza del repertorio d’immagini della storia dell’arte come sarà possibile ammirare nei quadri esposti nella Mostra “Dario Fo: dal disegno alla scena”, curata da Melissa Acquesta, visitabile dal 23 febbraio al 18 marzo 2018 presso il Museo di Pitagora.

Potrebbe interessarti anche