Sul lavoro non avere fretta: ogni trasformazione richiede tempo

La natura ci insegna che ogni trasformazione richiede energia: tutta l’energia che state erogando serve a distruggere legami, prassi e abitudini superate. Non preoccupatevi, col tempo, tutto torna

Bacteria19
16 Febbraio Feb 2018 1010 16 febbraio 2018 16 Febbraio 2018 - 10:10
Tendenze Online

La scienza può insegnare tanto anche a chi vive fuori dai laboratori. La fisica e la chimica, discipline che si occupano della materia e dei suoi diversi stati, possono aiutare chiunque debba affrontare una trasformazione, e oggi, nell’epoca della famigerata “digital trasformation” sono tanti i professionisti e le aziende che si trovano in questa situazione: la trasformazione come must!

Sempre più spesso nel mondo della tecnologia ma anche dell’azienda si guarda alla natura per trarre ispirazione, questa disciplina si chiama biomimesi e consiste in un’analisi consapevole dei processi biologici e biomeccanici presenti in natura, come fonte di ispirazione per il miglioramento delle attività e delle tecnologie umane. Chi usa la biomimesi vede la natura come modello per la progettazione degli oggetti e delle attività umane. Questo articolo segue questo approccio: quali regole possiamo imparare sulla trasformazione osservando la natura, cosa ci insegna la chimica o la fisica sul mondo delle trasformazioni.

Per farlo, vi propongo un esempio semplice di trasformazione, da cui però è possibile trarre grandi insegnamenti: la trasformazione dell’acqua, dallo stato solido (ghiaccio) allo stato liquido.

Supponiamo di estrarre dal congelatore dei cubetti di ghiaccio, metterli in un pentolino e iniziare a somministragli calore, utilizzando la fiamma del nostro fornello. Infiliamo nel pentolino un termometro. All’inizio del processo misuriamo una temperatura di – 18 gradi (la temperatura a cui normalmente si trova il congelatore di casa), ma somministrando calore, velocemente, in pochi secondi, il termometro inizia a segnalare valori crescenti della temperatura: – 17, -16, -15….-5, -4, -3, -2, -1… Arrivati a zero gradi succede qualcosa di inaspettato, qualcosa di inaspettato che ci insegna molto sulle trasformazioni.

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche