Il carrello delle giovani famiglie? Ecofriendly, veggie e pieno di salute

Le famiglie degli under 35 preferiscono prodotti ecofriendly, veggie e salutistici della media. Calano gli alimenti Dop e Igp. Con l’arrivo dei figli diventano più attenti alla salute

000 IW5LQ

THOMAS SAMSON / AFP

20 Marzo Mar 2018 1510 20 marzo 2018 20 Marzo 2018 - 15:10
Tendenze Online

Sono la generazione che sta cambiando maggiormente gli stili di consumo: i giovani sotto i 35 anni sono la fascia della popolazione italiana più affine ai valori emergenti della società, in particolare il rispetto per l’ambiente e per gli animali, la sensibilità al tema delle intolleranze alimentari e all’alimentazione veggie. Ad affermarlo è la seconda edizione dell'Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, che ha approfondito comportamenti e abitudini di consumo degli under 35 e delle giovani famiglie, scoprendo che è l’arrivo dei figli a determinare il maggiore impatto sullo shopping, sia in termini di prodotti scelti che di motivazioni all’acquisto.

LE PRE FAMILY PREFERISCONO L’ECOLOGICO E IL SALUTISTICO

Le pre family - single e coppie senza figli sotto i 35 anni di età - rappresentano le fasce della popolazione italiana più in sintonia con i nuovi valori e le tendenze emergenti nel largo consumo. Dalla seconda edizione dell'Osservatorio Immagino emerge infatti che sono loro ad acquistare più prodotti “ecologici”: spendono più della media italiana in prodotti per la cura personale definiti “senza parabeni”, “vegan” e “cruelty free”.

Quanto all’alimentazione, è decisamente guidata da esigenze di benessere e di forma fisica. Nel carrello della spesa degli under 35 hanno un peso soprammedia i prodotti con poche calorie e a basso tenore di zuccheri. Ampio spazio hanno anche i prodotti che vengono segnalati in etichetta come “senza lattosio”, “senza allergeni”, “senza glutammato” e “gluten free”, a conferma dell’attenzione di questo target alle tematiche salutiste.

Continua a leggere su Tendenze Online

È l’arrivo dei figli a determinare il maggiore impatto sullo shopping, sia in termini di prodotti scelti che di motivazioni all’acquisto

Potrebbe interessarti anche