Rwanda, 1994: il genocidio più violento della storia (ma dimenticato da tutti)

Tre episodi hanno segnato la storia di questo Paese: il colonialismo e il post-colonialismo, la guerra civile e il genocidio ruandese. In 100 giorni e sotto lo sguardo delle Nazioni Unite, gli Hutu trucidarono un milione di Tutsi. Il Museo a Kigali ricorda l'atroce genocidio che nessuno ricorda

Genocidio_Rwanda_Linkiesta

Bambina rifugiata ruandese tra i cadaveri di oltre 100 suoi compatrioti (17 luglio 1994)

PASCAL GUYOT / AFP

20 Marzo Mar 2018 0750 20 marzo 2018 20 Marzo 2018 - 07:50

Qui, in questo paese, ci sono pochissimi ricordi dell’epoca in cui queste colline verdissime, questi sentieri di terra rossiccia e questi laghi celesti erano le proprietà del colono, uomo bianco sapiente e onnipotente in cerca di profitti facili.

Qui, in questo paese, nessuno vuole ricordare i tre episodi che hanno segnato con sangue la sua storia: né il passato coloniale – il “colonialismo distruttivo” secondo la giusta definizione data dal Presidente, che ha portato il veleno della spoliazione, dello sfruttamento, del razzismo e della segregazione là dove c’erano gruppi etnici che vivevano in armonia; né gli anni dopo l’indipendenza in cui l’uomo bianco è stato sostituito da governi vergognosi, corrotti e legati agli interessi della metropoli – “amministrazioni post-coloniali” che hanno ucciso la dignità e prolungato le ferite del periodo precedente, aggiungendo, come se non bastasse, nuove esclusioni politiche, più odio, e una sorta di apartheid tra persone dello stesso colore, lingua e cultura.

E tutti, qui, fanno fatica a ricordare l’episodio più drammatico, il terzo atto della tragedia, quello della guerra civile e di quel genocidio talmente terrificante che è menzionato raramente e con timidezza.

Continua a leggere su Pangeanews.

Potrebbe interessarti anche