Ecco come scoprire tutto quello che Facebook sa di te

Il social network prevede la possibilità, per ciascun utente, di scaricare una copia di tutti i propri dati: status, commenti, like, immagini e messaggi privati. Ma attenzione: ripercorrere le tracce della propria vita potrà essere imbarazzante se non addirittura doloroso

000 1306HZ
26 Marzo Mar 2018 0725 26 marzo 2018 26 Marzo 2018 - 07:25
Tendenze Online

Anziché restare nell’incertezza, meglio chiedere alla fonte diretta: Facebook. Cosa sa di voi il social network? Quali dati ha a disposizione? Cosa scarta e cosa mantiene? Dopo lo (pseudo)scandalo di Cambridge Analytica in tanti si sono posti l’interrogativo. Più che disiscriversi, è meglio indagare.

Ebbene, la cosa più semplice è rivolgersi a Facebook medesimo.

– Basta loggarsi, andare su “Impostazioni” e poi guardare in basso a sinistra.
– Ci sarà una opzione interessante: “Scarica una copia di tutti i tuoi dati di Facebook”.
– Poi, inserire un indirizzo mail (ci vuole una notifica, dal momento che i dati da copiare sono tantissimi: per dire, dieci anni di Facebook vengono copiati in dieci minuti).
– Infine, passare al download. Facebook in questo caso chiederà di inserire di nuovo la password, o si riserva comunque di effettuare un controllo di sicurezza, ad esempio riconscere le immagini di amici (sono pur sempre dati personali riservati).

Ecco, a questo punto, occorrerà agire con molta circospezione. Non tanto perché i dati possano essere rubati quanto perché, andando a scavare all’indietro, le tracce lasciate della propria vita sul social possono turbare e imbarazzare.

Eh sì, perché Facebook invierà, in quella cartella zippata, tutti i post pubblici, le fotografie, i cambiamenti di stato, tutti (sì, proprio tutti) i commenti, i like, gli inviti, gli eventi, le note e, soprattutto, già, tutti i messaggi privati. Un mare magnum di informazioni, dati e pezzi di vita: al 90% imbarazzanti, perché una volta de-contestualizzati perdono di senso (o perché lo sono a prescindere), spesso dolorosi, noiosi, inutili e strani. Ci si riconoscerà nel ritratto che ha Facebook di ognuno di noi? Basti ricordare che Facebook conserva non solo le cose sono state pubblicate, ma anche quelle che sono state cancellate un secondo prima della pubblicazione. Non solo i fatti, insomma, ma anche le intenzioni.

Nel caso lo shock non bastasse, è sempre bene ricordare che Mark Zuckerberg possiede sia Whatsapp e che Instagram. Incrociate tutto, poi tirate le vostre (e non solo vostre) conclusioni.

Potrebbe interessarti anche