Come affrontare la paura del futuro e vivere felici

Viviamo in un'epoca in cui il futuro si fa prima a costruirlo che a immaginarlo, ma non c'è niente da temere: con voglia di esplorare e visioni forti saremo parte dell'evoluzione

Robot_Linkiesta

Tobias SCHWARZ / AFP

3 Aprile Apr 2018 1520 03 aprile 2018 3 Aprile 2018 - 15:20

Si chiama futuro istantaneo e no, non è un ossimoro: è il tempo in cui oggi noi stiamo vivendo. Perché fra le tante cose che sono vertiginosamente mutate in questi anni c’è anche il nostro senso del tempo e in particolare quello del futuro. “Il futuro non è più quello di una volta” recita una scritta su un muro nel centro di Milano: non so cosa volesse intendere chi l’ha fatta, ma in ogni caso ha assolutamente ragione. Ormai il futuro si fa quasi prima a costruirlo che a immaginarlo, tanta è la velocità del cambiamento negli ultimi anni. La futurologia – che già prima poteva generalmente vantare molte più previsioni scentrate di quante ne aveva azzeccate – è diventata tutto d’un tratto obsoleta perché prevedere il futuro anche ravvicinato è diventato praticamente impossibile in un’epoca in cui fra quando un bambino entra alle elementari e quando ne esce nascono e si affermano tecniche, linguaggi, strumenti, modelli mentali e comportamentali impensabili un attimo prima.

Qualcuno dice con preoccupazione che viviamo in un presente onnivoro che si è divorato tanto il passato quanto il futuro: ecco, no, non è così. Semplicemente, i confini fra passato, presente e futuro si sono fatti molto meno netti e ogni tempo scivola molto più facilmente nell’altro. Il passato è molto più presente di un tempo, se non altro perché lo abbiamo tutto a disposizione nel web ed è molto più facile di prima accedere in pochi istanti a materiali e informazioni una volta difficili e lenti da trovare. Quello che semmai è vero è che il passato – che ancora pochi anni fa funzionava come punto di riferimento imprescindibile – non è più in grado di offrire soluzioni a scenari e questioni come quelle che stiamo vivendo, assolutamente senza precedenti in tutta quanta la storia umana.

Quanto al futuro, eccoci a quel futuro istantaneo che ho prospettato all’inizio: ovvero il punto di incontro fra un’ora più avanzato, più dinamico, quello che non si limita a rappresentare lo stato delle cose ma lo evolve e lo espande, e un dopo che non soltanto non è lontano e astratto ma che anzi prende vita nel tempo stesso in cui lo pensiamo e cominciamo a costruirlo.

Continua a leggere su Centodieci.

Potrebbe interessarti anche