Siete sicuri di saper pronunciare “Pulitzer” in modo corretto?

Il nome del premio americano più prestigioso per il giornalismo (e non solo) negli ambienti anglofoni può creare qualche grattacapo. Per risolvere il mistero l’unica autorità non è la linguistica ma la famiglia

1491911480 Pulitzer Prize Logo
21 Aprile Apr 2018 0745 21 aprile 2018 21 Aprile 2018 - 07:45

Tempo di Pulitzer, tempo di ripasso della pronuncia inglese. Con l’arrivo dei prestigiosi riconoscimenti per il giornalismo (ma anche letteratura e poesia), una domanda potrebbe sorgere spontanea: come va pronunciata questa strana parola?

In realtà il problema è più degli anglosassoni che italiano. Quaggiù nessuno ha mai dubitato che “Pulitzer” fosse da pronunciare “pùlizer”, e così hanno fatto tutti, dai cronisti a commentatori, fino agli esperti di letteratura e ai fan di Kendrick Lamar.

In ambienti anglofoni, invece, rimane vivo il dubbio: sarà da pronunciarsi “pùlizer”, come gli italiani, o bensì “pjùlizer”, come farebbe Alberto Sordi? La risposta la dà Poynter, che riporta le parole della vedova di Joseph Pulitzer, la signora Emily Rauh Pulitzer, che si espresse sul punto con molta chiarezza. «Mio marito mi raccontò che suo padre raccomandava a tutti di pronunciarlo come se fosse “Pull it sir”». Come a dire, “Tiri, signore”, e il risultato è un elegantissimo “Pùlitsǝ”.

Alcuni, però, sbagliano. Perfino un professore di linguistica della Southern Oregon University come Edwin Battistella. Lo ammette, confuso e onesto. E fa ammenda ricostruendo la storia del cognome. «Pulitzer era nato in Ungheria, dove il suo cognome, anche nella variante Politzer, era molto diffuso e deriva da un luogo della Moravia meridionale, il villaggio di Pullitz. Negli Usa uno spelling come “Pulitzer” in teoria sarebbe accostato subito ad altre parole come “pure”, “puritanical”, “pubic”, “puce”, tutte con pronuncia “pju”».

Ma quella di Pulitzer è una eccezione. E poi, ormai, spetta alle famiglie scegliere come pronunciare in modo corretto il proprio cognome. Anche quando va contro le norme, o le tendenze, della grammatica.

Potrebbe interessarti anche