Assaggiate il durian, il frutto più buono del mondo ma che ha una puzza terribile

Lo si sente anche a distanza. Alcuni non riescono a sopportarlo. A Melbourne hanno evacuato una biblioteca dove ne era stato lasciato uno. Eppure, dicono i più coraggiosi, il sapore è incredibile e buonissimo

Durian In Black
4 Maggio Mag 2018 0720 04 maggio 2018 4 Maggio 2018 - 07:20
Tendenze Online

Se si incontra un durian non si resta indifferenti. È un frutto poco noto in Europa ma nel sudest asiatico è definito “il re della frutta”. Merito della sua dimensione, delle sue spine (“durian” significa “spina” in lingua malay) e soprattutto della sua terribile, incredibile puzza. Tanto che il 28 aprile la biblioteca universitaria RMIT, a Melbourne è stata fatta evacuare perché era stato avvertito un odore sospetto. Fuga di gas? Tentativo di avvelenamento? Ma no: era un durian mezzo marcio abbandonato in un cassetto.

Ma di cosa sa un durian? È difficile dare una descrizione precisa. Alcuni lo paragonano al pesce marcio, altri al fumo delle automobili. C’è anche chi lo associa ai vestiti usati di chi ha appena fatto sport. Secondo la definizione del naturalista inglese Alfred Russel Wallace, il sapore del durian è “indescrivibile”, anche se poi tenta lo stesso di descriverlo come “una crema pasticcera con tantissime mandorle, ma con venature che ricordano formaggini spalmabili, salsa di cipolla, vino passito e altri sapori del tutto incongrui”. Non è acido, non è dolce, non è succoso. Ma in realtà un po’ sì. “Non dà né nausea né altri effetti spiacevoli, anzi più lo si mangia e meno si vuole smettere”, perché mangiare un durian “è una sensazione nuova, in grado di ripagare il biglietto del viaggio in estremo oriente”.

Eppure non tutti sono d’accordo con questa definizione. Per esempio Anthony Burgess, lo scrittore autore di Arancia Meccanica, che lo trova più “un biancomangiare al lampone dolce mangiato in bagno”. Un frutto disgustoso che ricorda a Richard Sterling “escrementi di maiale con trementina, cipolle e un calzino da palestra”. Del resto, aggiunge, il suo odore si percepisce da lontano, così tanto che è proibito portare un durian in hotel, nelle metropolitane (come a Singapore), negli aeroporti, in tutto il trasporto pubblico.

Insomma un frutto che richiede coraggio e passione. E che non può passare inosservato. O meglio, non-annusato.

Potrebbe interessarti anche