Pagare meno tasse e dimezzare i tempi della burocrazia? Sembra impossibile ma non lo è

La colpa delle tasse troppo alte? Spesso è degli imprenditori, che faticano a muoversi in un sistema fiscale complicato. Per questo Gianluca Massini Rosati ha inventato una nuova materia: l'escapologia fiscale. Un insieme di strategie che consentano a imprenditori di risparmiare grosse somme

Burocrazia Linkiesta
11 Maggio Mag 2018 0805 11 maggio 2018 11 Maggio 2018 - 08:05
WebSim News

«La prima cosa, fondamentale, è sviluppare quella che chiamiamo intelligenza fiscale: un imprenditore deve mettersi in gioco in prima persona per capire innanzitutto come funzionano i meccanismi fiscali e individuare le soluzioni utili al proprio caso». Parole di Gianluca Massini Rosati, l'uomo che ha inventato una nuova materia: l'escapologia fiscale. Ossia, un insieme di strategie che consentano a imprenditori e professionisti di risparmiare grosse somme di tasse non dovute. Autore di libri e corsi di notevole successo, Massini Rosati è a sua volta un imprenditore e racconta a Linkiesta il motivo per cui ha deciso di mettere la propria esperienza a disposizione dei 'colleghi'.

«Vorrei aiutare gli imprenditori come me a non essere soffocati dalla pressione fiscale: la colpa delle troppe tasse che la maggior parte degli imprenditori e dei liberi professionisti si ritrovano a pagare è spesso e volentieri dell’imprenditore stesso, che ha uno scarso controllo dei numeri della propria azienda e un’attenzione alla legislazione fiscale minima e discontinua». Una situazione molto più comune di quanto non si possa pensare: «Ci sono molti artigiani, commercianti e liberi professionisti che non conoscono neanche la differenza tra deduzioni e detrazioni e di conseguenza non sanno cosa sia possibile dedurre e cosa sia possibile detrarre dalle imposte».

Vorrei aiutare gli imprenditori come me a non essere soffocati dalla pressione fiscale: la colpa delle troppe tasse che la maggior parte degli imprenditori e dei liberi professionisti si ritrovano a pagare è spesso e volentieri dell’imprenditore stesso, che ha uno scarso controllo dei numeri della propria azienda e un’attenzione alla legislazione fiscale minima e discontinua

Gianluca Massini Rosati

La prima cosa da fare, dunque, è imparare a conoscere alla perfezione il proprio bilancio: «L'escapologo fiscale - spiega ancora Massini Rosati - fa prima di tutto un’attenta valutazione della situazione reddituale del cliente per capire qual è la migliore forma giuridica e impostazione fiscale che il cliente deve seguire. Studia le carte, capisce quali sono le ottimizzazioni possibili e in che modo possono essere giustificate quando il fisco verrà a controllarle. Non esistono soluzioni standard, esistono solo soluzioni specifiche in base alla natura specifica del cliente e della sua attività».

È per questo che il continuo aggiornamento viene ritenuto un fattore assolutamente fondamentale. «Continuando a studiare costantemente ed attentamente la materia fiscale – spiega l’escapologo fiscale – ho scoperto che ci sono stati dei recenti cambiamenti normativi, determinanti per la sicurezza e la serenità di ogni imprenditore e professionista». Di qui l’idea di un nuovo ciclo di incontri ("Meno tasse in metà da tempo", dal 14 al 18 maggio a Roma, Firenze, Padova, Milano e Torino) in cui, oltre alle strategie per pagare meno tasse, verranno svelati molti segreti su come combattere la piaga, tipicamente italiana, della burocrazia, che fa perdere tempo-lavoro (e quindi soldi) a molto imprenditori.

Si calcola che i 15mila imprenditori, che negli ultimi tre anni hanno usufruito del corso di escapologia fiscale, abbiano visto ridurre la loro pressione fiscale dal 20 al 90%. “In nessun modo – conclude Massini Rosati – si tratta di evasione, né ha a che fare con soluzioni borderline o ai limiti della legalità. Sono tutte strategia passate sotto lo stretto controllo di un pool di commercialisti, avvocati, tributaristi ed anche di un ex capitano della Guardia di Finanza”.

Potrebbe interessarti anche