Fatti forza: non esiste fallimento che non si possa superare

Ci sono partite che non possiamo vincere, ma l'errore più grande è lasciare che le ferite siano più profonde della sconfitta. Per rendere anche le cadute un patrimonio, bisogna concentrarsi con determinazione sul momento che stiamo vivendo. Questo è l'unico atteggiamento che può salvarci

Joy 2483926 960 720
16 Maggio Mag 2018 0715 16 maggio 2018 16 Maggio 2018 - 07:15

Ci sono partite e sfide più grandi di noi, che non possiamo vincere in nessun modo, per quanto ci sforziamo. Sono batoste, a volte inevitabili, che tutti prendiamo nel corso della vita, ma la ferita che esse lasciano, a volte, è più grave e più profonda della sconfitta stessa.

Non sono niente di più che delle battaglie perse, se ci fermiamo a riflettere con lucidità, a freddo, ma come possiamo evitare che esse si trasformino nella sconfitta definitiva, come accade quando ci lasciamo sopraffare? Lavorare su noi stessi significa imparare a rendere le sconfitte e le cadute un patrimonio, anziché una disfatta epocale.

Più facile a dirsi che a farsi, ovviamente, ma se non siamo disposti a fare questo lavoro, invece che fuggire a rifugiarci nella bolla ovattata della delusione, con ogni probabilità resteremo a lungo o per sempre agganciati a un passato che ci zavorra a terra, costringendoci a cercare alibi e scuse, anziché soluzioni e progetti per ripartire.

Proviamo a ragionare, dunque. Tutti noi viviamo in un tempo sospeso tra un passato che non potrà tornare e un futuro che non è già scritto o predeterminato e che, nella maggior parte dei casi, non dipende esclusivamente o prevalentemente dalle nostre scelte presenti o passate, per quanto possa esserne influenzato. In qualche misura esse influiscono sul nostro destino, ovviamente, ma in modo molto meno incisivo di quanto non riusciamo a immaginare.

Chi di noi, ad esempio, non conosce un compagno di scuola o un amico d’infanzia che all’epoca ci sembrava spacciato e destinato ad un gramo futuro, per via della sua inconcludenza o per la sua scarsa capacità o propensione allo studio? Quante persone che oggi definiamo “di successo” provengono da famiglie modeste, da storie difficili o addirittura dalla povertà più nera e da problemi all’apparenza insormontabili?

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche