Basta soldatini, vogliamo figli creativi: e a New York va di moda il metodo “Reggio Emilia”

Nelle migliori case di Brooklyn e Manhattan i vecchi metodi di insegnamento per l’infanzia non vanno più di moda. Molto meglio un approccio elaborato in Italia nei primi anni del Dopoguerra

Child 2747035 960 720

immagine Pixabay

21 Maggio Mag 2018 0715 21 maggio 2018 21 Maggio 2018 - 07:15

È l’ultima moda dei quartieri creativi e liberal di New York, vera e propria ossessione dei genitori un po’ hipster e un po’ innovativi di Manhattan e Brooklyn: il metodo educativo Reggio Emilia. Basta con le scuole che insegnano ai bambini a leggere a contare a due anni: è un approccio arido e soprattutto pericoloso. I bambini non crescono e maturano in modo uguale (è cosa ormai nota) e alcuni non sono pronti come altri a memorizzare segni e suoni. Meglio che segua i suoi interessi.

Il metodo, elaborato nel Dopoguerra dall’educatore reggiano Loris Malaguzzi, prevede che il bambino impari da solo, seguito da insegnanti e genitori, quello che deve sapere. Le metodologie non sono predisposte, non c’è nessun percorso stabilito: ciò che un bambino sa è il frutto della sua ricerca e delle sue esperienze di conoscenza. È un modo per diventare creativi e, al tempo stesso, avere un rapporto reale con le cose. Cosa si potrebbe chiedere di più?

Questo percorso era, a suo modo, un riflesso del clima generale di volontà di rottura con il passato e di ricostruzione della società, mentalità che dovevano imparare tutti fin da piccoli. Poi, con gli anni, si è diffuso in tutto il mondo ed è arrivato, intorno agli anni ’80, anche nel Nuovo Mondo.

Certo, se a Reggio Emilia il metodo era stato concepito, in origine, per venire incontro alle famiglie in difficoltà, a New York, oggi, se lo possono permettere solo i più ricchi. È una nuova hype che va da 25mila fino a 50mila dollari all’anno, che i genitori premurosi (e danarosi) della Grande Mela non possono perdersi.

Potrebbe interessarti anche