Laura Boldrini: «Poveri elettori di sinistra che hanno votato i 5Stelle, e si ritrovano un programma di destra»

«Contro l’ascesa dei populisti dobbiamo dare battaglia in Parlamento e nelle piazze. Salvini al Viminale? Senza migranti la sua carriera politica sarebbe già finita, ma non sa di cosa parla. A sinistra serve un big bang, non possiamo condannarci a sparire»

Foto
23 Maggio Mag 2018 0740 23 maggio 2018 23 Maggio 2018 - 07:40

«Sono molto dispiaciuta». L’ex presidente della Camera Laura Boldrini fa un sospiro, poi prosegue. «Mi spiace davvero per tutti quegli elettori di sinistra che hanno creduto nei Cinque Stelle e oggi si trovano un programma di governo tipicamente di destra. Persino di estrema destra, in alcune parti». Mentre prende forma l’esecutivo tra grillini e leghisti, la deputata di Liberi e Uguali non nasconde i propri timori. Il nuovo corso politico rischia avere ripercussioni sulla reputazione dell’Italia all’estero. Soprattutto, rischia di dimenticare alcuni temi fondamentali per la nostra società: la lotta alle diseguaglianze, la parità di genere e l’integrazione dei migranti. Ma è proprio da qui che deve ripartire il percorso della sinistra. «Adesso serve azzerare tutto - insiste Boldrini - Ci vuole un big bang, dobbiamo coinvolgere tutti quei mondi che si sono sentiti trascurati». Restare immobili in attesa che i populisti perdano credibilità e consensi è un errore strategico. «Probabilmente il prossimo sarà un governo oscurantista e retrogrado: dobbiamo difendere le nostre conquiste sui diritti civili. Sono pronta a dare battaglia, in Parlamento e nelle piazze».

In queste ore nasce il nuovo governo tra Lega e Cinque Stelle. È difficile immaginare un esecutivo più lontano dalle sue posizioni politiche, è preoccupata?
Intanto penso che per il presidente del Consiglio sarà imbarazzante trovarsi un programma già fatto e una lista di ministri sostanzialmente già confezionata. Per il prossimo premier non sarà facile trovarsi nel ruolo di mero esecutore, così come l’ha definito Luigi Di Maio. Timori? Sicuramente temo che un esecutivo di questo genere non sia all’altezza di un paese del G7. Temo una perdita di reputazione per l’Italia. Ma conoscendo lo stile di Lega e Cinque Stelle, ho anche paura che nei prossimi mesi ci troveremo in un clima da campagna elettorale permanente, fatto di mirabolanti promesse e pochi risultati concreti.

Il tema dell’immigrazione sarà centrale. In campagna elettorale lei ha avuto un duro confronto tv con Matteo Salvini. Lo ha accusato di presentare proposte demagogiche e irrealizzabili.
Nella campagna elettorale di Matteo Salvini la propaganda ha avuto la meglio sui contenuti. Il leader leghista punta a infiammare strumentalmente una società arrabbiata e provata dalla crisi. Ma parla solo per slogan, in modo irresponsabile.

Adesso però Salvini potrebbe andare al Viminale. Sembra destinato al ruolo di ministro dell’Interno.
Il ministro dell’Interno è un lavoro molto serio. Il partito di Matteo Salvini negli ultimi anni è passato dal 4 al 17 per cento grazie alla continua demonizzazione degli stranieri, senza la quale la sua carriera politica sarebbe finita già da un pezzo. Il contratto punta solo su respingimenti e allontanamenti, propone di rintracciare 500mila irregolari e chiuderli in nuovi centri da istituire in tutte le regioni. Voglio proprio vedere come farà. Altri prima di lui ci hanno provato. Se fosse così semplice lo avrebbero già fatto, non crede? Se andrà al Viminale Matteo Salvini si troverà a gestire il tema dell’immigrazione, che ha sempre trattato con superficialità. Mi lasci dire che nel contratto di governo non si parla mai di integrazione dei migranti, che è il passaggio più importante per consentire la coesione sociale. E non viene menzionata alcuna riforma della legge Bossi-Fini che è la vera responsabile dei problemi odierni. E fa orrore pensare che, come si legge nel contratto, i bambini stranieri non potranno accedere agli asili nido con gli stessi diritti dei bambini italiani.

Nel programma di governo mancano anche alcuni argomenti che lei, da presidente della Camera, ha seguito con particolare attenzione. Penso alle donne e alla parità di genere.
Sulla parità di genere ci sono solo cenni sporadici, mai una visione d’insieme. E non si trova nulla su occupazione e imprenditoria femminile, nonostante l’Italia sia tra gli ultimi paesi in Europa per la percentuale delle donne che lavora; e questo rappresenta un grosso freno alla crescita. Sui femminicidi sono previsti soltanto aumenti delle pene ma nessun intervento concreto per la prevenzione e per il sostegno alle vittime. Complessivamente è un contratto di governo retrogrado. In tema di conciliazione famiglia-lavoro si parla solo delle donne, come se la questione non riguardasse anche gli uomini. Come se ancora oggi la cura della famiglia dovesse spettare solo alle madri.

Qualcuno accusa il programma di essere carente anche dal punto di vista della lotta alle diseguaglianze.
Carente? Di lotta alle diseguaglianze non c’è traccia, come se non fosse una priorità per il Paese. E in 60 pagine di documento ci sono solo 7 righe e mezzo dedicate al Sud. È il segno che Di Maio ha dovuto rinunciare a tutto a dispetto dei tanti elettori che nel Sud gli hanno dato fiducia. Questo è un programma di governo di destra. In alcuni passaggi persino di estrema destra. La flat tax? Altro che diseguaglianze: funzionerà come un Robin Hood al contrario. Anche stavolta hanno prevalso gli interessi dei più ricchi, come preteso da Salvini.

Con un governo Lega-Cinque stelle l’Italia rischia di allontanarsi dall’Europa?
Sarà l’Europa che si allontanerà da noi. Non dimentichiamo che il riferimento internazionale di Salvini è Vladimir Putin. Putin, ha capito? Quello che reprime le manifestazioni di piazza, che depenalizza la violenza domestica e sanziona chi parla di omosessualità in pubblico. L’omofobia, peraltro, è l’ennesimo grande tema che non appare nel contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ma se l’Italia si troverà ad essere lo sponsor di Putin in Europa, un po’ di preoccupazione forse dovremmo averla, non crede?

Parliamo di un governo tra Lega e Cinque Stelle, ma non possiamo dimenticare la sconfitta della sinistra. In un’intervista lei ha ammesso gli errori di Liberi e Uguali, spiegando che siete stati percepiti come establishment. Per ripartire si deve tornare nelle periferie?
Certo, si deve ripartire dalle periferie, dal lavoro precario e dai luoghi disagiati. Ma non solo. Bisogna includere tutti quei mondi che non si sono sentiti rappresentati. L’associazionismo, le reti di sindaci, il mondo femminista, le comunità lgbt, le realtà ambientaliste e le ong. Dobbiamo aprire a tutte quelle realtà che fanno storicamente parte dell’elettorato progressista. Non sarà facile. Ci aspetta un grande lavoro per conquistare la loro fiducia. Ma dobbiamo ricominciare su basi totalmente nuove. Ho già auspicato, più volte, la necessità di un grande big bang per tutta la sinistra.

Liberi e Uguali è un’esperienza da archiviare?
La dimensione di LeU va superata attraverso l’apertura di una costituente che coinvolga tutto l’arco progressista. Ci dobbiamo ricompattare, ma su nuove basi. Dobbiamo allargare e aggregare. Mentre nasce un nuovo fronte populista e sovranista, la sinistra non può andare avanti alla spicciolata. È così che si perde e si consegna il paese alla destre. Così si diventa complici della scomparsa dal panorama politico di una cultura e di una prospettiva progressista. È una responsabilità che io non voglio prendermi.

Concretamente cosa si può fare? Lei, da parlamentare, cosa farà?
Ho già presentato una proposta di legge contro l’omofobia, la transfobia e le discriminazioni sulla base dell’identità sessuale. E un’altra sull’attribuzione del cognome materno ai figli, una cosa che avremmo dovuto fare da tempo. E poi ho depositato un provvedimento per la riforma della cittadinanza. È il grande tradimento della scorsa legislatura, soprattutto nei confronti degli 800mila ragazzi e ragazze che ci avevano creduto, nei confronti delle associazioni laiche e cattoliche che ci avevano lavorato. A breve presenterò un intervento legislativo per incentivare e stimolare l’occupazione e l’imprenditoria femminile. Proprio in questi giorni sto girando l’Italia per coinvolgere donne, associazioni e sindacati su questo progetto. Un tour partito da Torino che ho intitolato “Forza ragazze, al lavoro”, in onore di Valeria Solesin, la ragazza uccisa nell’attentato al Bataclan di Parigi. Il mondo femminile deve finalmente trovare unità: dobbiamo fare squadra e mobilitarci.

Anche tra gli sconfitti c’è chi guarda con ottimismo l’intesa Lega-Cinque Stelle. Si pensa che rimanendo immobili davanti ai possibili disastri del nuovo governo, si potrà riconquistare l’elettorato perduto. Non crede che così il centrosinistra si condanna all’inutilità?
Non sono assolutamente d’accordo, non bisogna farsi da parte. Sono pronta a promuovere la mobilitazione popolare e dare battaglia in Parlamento, nelle piazze e sulla rete. Per esperienza so che quando le cittadine e cittadini si muovono, i palazzi non possono ignorarli. Probabilmente questo sarà un governo oscurantista sui diritti civili. Bene, noi dobbiamo difendere le nostre conquiste. Non si deve mai rinunciare ai propri diritti e non ci si deve arrendere prima di aver combattuto.

Potrebbe interessarti anche