Seduti o in piedi: l'approccio dell'uomo alla tazza come dibattito politico

8 Luglio Lug 2012 1131 08 luglio 2012 8 Luglio 2012 - 11:31
...

Mentre scrivo mi rendo conto di avere solo qualche ora prima che la depressione domenicale mi colga inesorabilmente e il panico cominci ad invadere il mio spirito altrimenti gioioso. Che fare, accidenti, che fare per godere al meglio del poco tempo che mi rimane prima di sprofondare nel baratro?
Devo, nell'ordine: stendere, caricare un'altra lavatrice, far cuocere zucchine ed involtini.
Mmmhhh, pensandoci bene, io non vedo l'ora che arrivano quelle dannate 16:13, così – forse – potrò godermi il dolce far niente.

Già, le 16:13. Sembra, infatti, che sia questa la linea di demarcazione tra il folle entusiasmo per il fine settimana e la crisi nera per l'arrivo del lunedì. Un sondaggio condotto dalla catena alberghiera Premier Inn ha infatti svelato che l'ora X per la depressione domenicale scatta alle quattro del pomeriggio e che la sensazione sgradevole si protrae fino a sera. Non solo, sembra anche che il 41% degli interpellati passi la notte tra la domenica e il lunedì in preda all'ansia all'idea di dover riportare le stanche membra in ufficio.

Ma insomma, non saranno mica questi i problemi, accidenti! I problemi veri sono ben altri.
I problemi veri sono quelli che affliggono in questi giorni alcuni svedesi, precisamente quelli del Consiglio Generale della regione di Sörmland: gli uomini devono fare pipì in piedi o seduti?
Già, perché quella che è una scelta personale potrebbe ben presto diventare una voce del regolamento interno del suddetto Consiglio Generale. Tale Viggo Hansen, il promotore della pipì da seduti, sostiene infatti che la cosa, oltre a creare meno disagio attorno alla tazza, allungherebbe la vita sessuale degli uomini e diminuirebbe i problemi alla prostata.

Ma, mi chiedo io, chi farà i controlli del caso?
In ogni caso la questione scotta. Tra l'altro, sembra che gli uomini che preferiscono posare le loro grazie sul trono invece che restare in piedi e marcare il territorio siano sempre di più, vuoi per scelta personale, vuoi perché costretti dalle mogli.
Ma i miei amici direbbero: siamo matti? 

Toilet2