Il pressapochismo e la sciatteria sono il sintomo di un grande malessere diffuso

18 Settembre Set 2012 1235 18 settembre 2012 18 Settembre 2012 - 12:35

Milano, martedì 18 settembre 2012 in una via molto centrale, una via che negli ultimi mesi è stata sventrata, richiusa, riaperta, ri-asfaltata, bucata ancora, il tutto tra una doppia fila di automobili, quelle parcheggiate nel box giallo dei residenti e quelle parcheggiate perennemente sul marciapiede, abbiamo intercettato una cosa molto interessante.

In questa incrostazione di auto, moto, dissuasori rotti e lavori in corso che continuamente vanno e vengono, la via è un bellissimo mosaico della contemporaneità della nostra città e del nostro Paese. Un luogo dove le cose avvengono in modo casuale con operazioni sempre fatte in stato di emergenza, in modo incontrollato e ricco di pressapochismo, senza visione e senza progetto ma soprattutto senza buon senso, insomma un malessere tutto italiano che accettiamo sempre ingoiando il rospo.

Oggi abbiamo fotografato uno stupendo simbolo di questo malessere, un inno alle cose fatte in fretta, malamente, sciatte, da squadre che sembrano quasi sempre improvvisate.


Img 4340

Ci immaginiamo un pensiero possibile della squadra che si accinge ai lavori:
Cavolo come al solito è pieno di automobili”. “Carlo ma non hai messo ieri sera il cartello che avremmo fatto i lavori oggi?”. “Ma no dovevi farlo tu!!!”. “Vabbé procediamo lo stesso, poi magari torniamo e completiamo il lavoro”.

Img 2445

Img 4347

Tutti che parcheggiano ovunque, tanto chissenefrega!

Img 4341

una giuntina

Img 4343

panoramica della via centrale a Milano, città del design

Img 4346

cartello lavori attaccato con lo scotch ad un dissuasore di antica data

Img 4345

comunicazione lavori in corso, rispettato ovviamente da tutti

Img 4348

pare stiano installando un PIKE SHARING, se qualcuno ci dice cosa sia? Magari Michele

Img 4349

Potete seguirci anche su @intersezioni