Come cambiano lavoro e industria in Italia

Come cambiano lavoro e industria in Italia

Due casi di scuola per capire meglio. Prendiamo un’azienda, in crisi (e di esempi nella realtà economica italiana ce ne sono a iosa), che per non fallire deve riorganizzarsi. Magari spostare gli impiegati, addetti a funzioni amministrative, in altri reparti, con lo scopo di aumentare la produzione. Ieri avrebbe rinunciato. Troppe beghe da affrontare con i sindacati. Oggi, se approva un contratto aziendale che prevede queste forme di flessibilità, può farlo tranquillamente. E quindi cambiare mansioni ai colletti bianchi, aumentare i ricavi e magari salvare se stessa e i suoi lavoratori. Altro esempio: i turni. Cambia il mercato e quindi la domanda. Di conseguenza l’impresa può avere la necessità di intensificare il lavoro a seconda dei momenti. Si siede a un tavolo, negozia l’intesa, e chiede il consenso della maggioranza delle sue rappresentanze sindacali. Succede già a Mirafiori, dove gli operai possono stare alla catena di montaggio per dieci ore per quattro giorni alla settimana, ma poi hanno diritto a tre giorni di riposo successivi.

Sono alcuni dei risvolti pratici di un accordo che segna una stagione nuova nel complesso mondo delle relazioni industriali. Due giorni fa, infatti, Confindustria e le parti sociali (Cgil, Cisl, Uil e Ugl) hanno fissato in otto punti le nuove regole sulla rappresentatività delle parti sociali e l’esigibilità dei contratti aziendali. Cosa vuol dire?

Il primo punto: Camusso, Bonanni, Angeletti e Centrella stabiliscono le regole per pesarsi. Il meccanismo è un po’ complesso, ma il leader dell’Ugl lo semplifica così per linkiesta: «Le aziende sono obbligate a raccolgiere i dati degli iscritti ai sindacati e inviarli all’Inps – spiega Centrella – L’istituto nazionale di previdenza li certifica e li invia al Cnel che fa la media ponderata con i risultati delle elezioni delle Rsu. Insomma, un mix tra voti e iscritti. A questo punto, solo i sindacati che avranno superato il 5% del totale dei lavoratori saranno legittimati a negoziare».

Quindi si passa ai due livelli: il contratto nazionale e quello aziendale. Il primo, si legge nel testo “deve garantire la certezza dei trattamenti economici e normativi comuni per tutti i lavoratori del settore>>. In soldoni: stabilisce un livello minimo di garanzie sia legislative che retributive. Mentre il secondo «si esercita per le materie delegate dal contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria o dalla legge». Ma la domanda è un altra: il contratto fatto in azienda può derogare quello nazionale? Certo, anche se la Marcegaglia preferisce usare un termine più soft, «adattabilità». Quando? «I contratti collettivi aziendali – si legge nel testo – possono definire anche in via sperimentale e temporanea, specifiche intese modificative…dei contratti nazionali». Di più. Una clausola prevede che nei settori ancora in attesa dei rinnovi contrattuali, le modifiche possono riguardare alcuni aspetti essenziali: prestazioni, orari e organizzazione del lavoro. Proprio gli esempi che abbiamo visto all’inizio.

Ma non finisce qui. Dietro un tecnicismo per addetti ai lavori, l’esigibilità, si nasconde l’altro punto delicato dell’accordo. Il senso è: quali caratteristiche devono avere questi accordi aziendali per essere vincolanti e quindi non disattesi dalle parti? Primo caso (quello più semplice): basta l’approvazione della maggioranza dei componenti delle rappresentanze sindacali unitarie. E c’è una spiegazione: i rappresentanti delle Rsu per i due terzi sono eletti dai lavoratori e solo per un terzo appartengono ai sindacati. Il problema sorge quando in azienda non ci sono le Rsu, ma la rappresentanza è affidata alle Rsa, i cui membri sono designati in toto dai sindacati. Bene. A questo punto l’accordo prevede un passaggio ulteriore: che il contratto aziendale sia sottoposto al referendum abrogativo dei lavoratori.

Il diritto allo sciopero e il caso Fiat. E veniamo alle accuse delle prime ore post firma. Si dice: l’accordo lede il diritto allo sciopero. In realtà dà la possibilità alle parti di inserire delle clausole di tregua sindacale che sospendano gli scioperi. L’obiettivo è evitare il solito giochetto all’italiana: si firma un’intesa a maggioranza e un secondo dopo le sigle contrarie ci piazzano una bella protesta che blocca per giorni la produzione. Nessuna violazione della Costituzione, dunque. «Tanto che – ricorda Centrella – alcuni contratti integrativi aziendali già prevedono questa possibilità. La clausola è prevista dal 1993 alla Fiat Sata di Melfi e nello stabilimento Fma di Pratola Serra».

E poi l’attacco al Lingotto: puzza la “coincidenza” del tavolo Confindustria-sindacati con le esigenze specifiche di una delle più grandi aziende italiane. Fuori dai denti: la Marcegaglia ha usato l’intesa per cercare di trattenere Marchionne in Confindustria? Vedremo. Ma se andiamo sul pratico sembra che le nuove regole non si possano applicare agli accordi siglati a Pomigliano, Mirafiori e Grugliasco. Semplicemente perché non sarebbero retroattive. Occhio però, perché sul punto non mancano i distinguo. «Nel testo – sottolinea sibillino Centrella – non è sancito per iscritto il concetto di non retroattività. Semplicemente non si parla di accordo retroattivo…E c’è una bella differenza».

Le polemiche nella Cgil. Ma è proprio sui possibili vantaggi per la Fiat che la Cgil rischia di spaccarsi. Da un lato ci sono i duri e puri della Fiom, guidati da Landini e Cremaschi, che accusano Susanna Camusso di aver favorito il Lingotto, e arrivano a chiederne le dimissioni . Dall’altro la stessa leader di corso d’Italia che smentisce con forza questa tesi: «L’accordo sull’esigibilità dei contratti – ribadisce anche oggi in un’intervista al Sole24Ore – non comporta benefici per la Fiat perché non c’è retroattività». E poi insiste: «A chi dice che ci sarebbero benefici per la Fiat rispondo che è evidente che siamo esattamente all’opposto». Un film già visto. Prossime puntate: i metalmeccanici della Cgil riuniscono oggi il comitato centrale. E saranno scintille. Mentre il direttivo della Camusso che dovrà pronunciarsi sull’accordo si terrà l’11 ed il 12 luglio. Visto il clima da redde rationem, però, potrebbe essere anticipato.  

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter