Presidente Napolitano, il nostro ergastolo sia pena di morte

Presidente Napolitano, il nostro ergastolo sia pena di morte

Signor Presidente della Repubblica, ci sono delle sere che il pensiero che possiamo rimanere in carcere per tutta la vita non ci fa dormire. E la speranza è un’arma pericolosa. Si può ritorcere contro di noi.
 
Se però avessimo un fine pena… Se sapessimo il giorno, il mese e l’anno che potessimo uscire… Forse riusciremo a essere delle persone migliori… Forse riusciremo a essere delle persone più buone… Forse riusciremo a essere delle persone più umane… Forse riusciremo a non essere più delle belve chiuse in gabbia.
 
Signor Presidente della Repubblica, noi “uomini ombra” non possiamo avere un futuro migliore, perché noi non abbiamo più nessun futuro. E per lo Stato noi non esistiamo, siamo come dei morti. Siamo solo come carne viva immagazzinata a una cella a morire. Eppure a volte, quando ci dimentichiamo di essere delle belve, noi ci sentiamo ancora vivi. E questo è il dolore più grande per degli uomini condannati ad essere morti.
 
A che serve essere vivi se non abbiamo nessuna possibilità di vivere? Se non sappiamo quando finisce la nostra pena? Se siamo destinati a essere colpevoli e cattivi per sempre?
 
Signor Presidente della Repubblica,
molti di noi si sono già uccisi da soli, l’ultimo proprio in questo carcere il mese scorso, altri non riescono ad uccidersi da soli, ci aiuti a farlo Lei.
 
E come abbiamo fatto anni fa, Le chiediamo di nuovo di tramutare la pena dell’ergastolo in pena di morte.
 
Gli ergastolani in lotta per la vita del carcere di Spoleto
 
Luglio 2011
 
Carmelo Musumeci
 
LA LETTERA DI RITA BERNARDINI
 
10 luglio 20110

Egregio Presidente, caro Giorgio Napolitano, nella giornata di ieri ho effettuato una visita di sindacato ispettivo alla casa di reclusione di Spoleto dove ho incontrato decine di ergastolani, fra i quali il dottor Carmelo Musumeci che mi ha chiesto di consegnarle una lettera
sottoscritta da “gli ergastolani in lotta per la vita”.
 
Come potrà constatare, si tratta di parole tristi di chi non ha più speranza. Pur avendomela consegnata ieri, l’ho letta solo oggi  e devo dire che non condivido affatto alcune espressioni a lei rivolte, come quella nella quale gli ergastolani invocano il suo aiuto a morire. Ma io non sono al loro posto ed è per questo che ho deciso di consegnargliela lo stesso.
 
D’altra parte, il dramma di cui sono portatori è immenso. Infatti, la nostra
legislazione non solo prevede la pena dell’ergastolo – che, a mio avviso, è nettamente in contrasto con l’articolo 27 della nostra Costituzione tanto che, assieme ai miei colleghi radicali, ho presentato una proposta di legge di abrogazione – ma addirittura l’ergastolo “ostativo”, cioè una pena che effettivamente non finisce mai e che non dà diritto ad alcun beneficio, anche se il condannato assuma per decenni un comportamento irreprensibile, improntato alla ricerca del bene e della crescita umana di sé e degli altri.
 
Voglia scusarmi, signor Presidente, anche perché – in questo caso – il messaggero, quale io sono in questo momento, “porta pena” e che pena!
 
Nell’augurarle ogni bene, le porgo i miei più sinceri e deferenti saluti.
 
Rita Bernardini (deputata radicale) 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter