Con i marines in Australia Obama circonda la Cina

Con i marines in Australia Obama circonda la Cina

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama non ha messo piede in Cina durante il suo tour dell΄Asia-Pacifico, ma i suoi pensieri più critici sono sempre rivolti a Pechino. Dal vertice dell΄Apec alle Hawaii ha apertamente accusato i cinesi di un apprezzamento troppo lento dello yuan avvertendo che la pazienza sta per finire: «Quando è troppo, è troppo», ha detto di fronte al suo omologo Hu Jintao. E da ultimo il rafforzamento dell΄alleanza militare con l΄Australia, uno dei principali fornitori di materie prime della Cina, ha provocato crescenti tensioni con i vertici del Partito comunista che si catalizzano in questi giorni a Bali (Indonesia), dove gli Stati Uniti prenderanno parte per la prima volta all΄East Asia Summit.

Obama intende mettere sul tavolo la questione del Mar Cinese Meridionale, acque ricche di idrocarburi e contese in primis tra Cina, Vietnam, Filippine, Malaysia e Taiwan, un problema strategico di cui Linkiesta si è occupata diversa volte. Nei giorni precedenti il Global Times, un quotidiano governativo cinese, aveva avvertito sull΄intento di Stati Uniti e Filippine di “mettere le mani” sulle risorse cinesi nell΄area. E il vice ministro degli Esteri Liu Zhenmin si è detto “speranzoso” che le dispute territoriali non saranno tema di dibattito, visto che non sono nell΄agenda di un forum solitamente economico.

«Non so quanto questo vertice possa gestire le dispute nel Mar Cinese Meridionale – spiega a Linkiesta Suisheng Zhao, Executive Director del centro “China-US Cooperation” di Denver (Co.) in un΄intervista telefonica prima dell΄inizio degli incontri – perché anche la Cina è membro del gruppo, e si è opposta fortemente all΄uso di un approccio multilaterale per redimere la questione. Inoltre non so quanti altri paesi siano favorevoli a questo approccio perché solo quattro di essi sono coinvolti nelle dispute territoriali con la Cina. Non tutti hanno questo “conflitto” aperto con i Cinesi».

Il segretario di Stato Hilary Clinton aveva preparato il terreno con cura. In visita a Manila, nelle Filippine, ha rassicurato il suo omologo filippino, Albert del Rosario, sull΄intenzione di fornire sostegno alle difese navali del paese asiatico siglando una dichiarazione di intenti a bordo della nave da guerra Uss Fitzgerald ancorata nel porto di Manila Bay. Ad avere creato maggiore sconcerto tra gli invitati all΄East Asia Summit è però l΄annunciato accordo stretto dagli Usa nelle stesse ore con il premier australiano Julia Gillard: dall΄anno prossimo un contingente di Marines sarà di stanza a Darwin (nord Australia) per arrivare a 2.500 uomini nel 2016. Inoltre gli Stati Uniti intensificheranno la propria presenza militare nella base di Tindall dispiegando bombardieri, caccia, carri armati e aerei spia. Per poi utilizzare la base navale nei pressi di Perth (Sterling Naval Base) come approdo per navi e sottomarini.«Siamo qui per restare, questa è una regione di importanza strategica per noi», ha detto Obama. «Probabilmente non è appropriato intensificare ed espandere le proprie alleanze militari, e non sarebbe nell΄interesse dei paesi di questa regione», ha risposto Liu Weimin, un portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Per capire perché gli Stati Uniti abbiano concentrato i loro sforzi nel Pacifico bisogna guardare ai piani del Pentagono che prevedono un graduale spostamento verso il concetto strategico di battaglia aerea e navale e al documento “American΄s Pacific Century” stilato un anno fa dalla Clinton e foriero di polemiche, senza dimenticare che il budget per la Difesa si sta significativamente riducendo (450 miliardi di dollari in dieci anni). «Il messaggio è molto chiaro – spiega Axel Berkofsky, ricercatore dell΄Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi) – gli Stati Uniti rimangono nella regione e la crisi economica non avrà un impatto sul ruolo americano».

L΄offensiva diplomatica statunitense di questo novembre è stata insomma combattuta su più fronti. Si assiste a un ri-posizionamento americano che non a caso comincia dall΄Australia dal momento che Washington già conta sulle allenze con Giappone e Corea del Sud nel Mar Cinese Orientale. E la Cina si sente assediata. «Da una prospettiva cinese sembra una strategia per circondare la Cina passando per i paesi dell΄Asia-Pacifico – spiega a Linkiesta Suisheng Zhao –. La Cina è costantemente all΄erta. Ma credo anche che per gli Stati Uniti sia importante mantenere la capacità di contenere le velleità di espansione cinesi perché la Cina ha un grande potenziale da sviluppare».
 

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter