Grilli in Goldman Sachs. “Milanese” ma anche un po’ anglosassone

Grilli in Goldman Sachs. “Milanese” ma anche un po’ anglosassone

E adesso che Vittorio Grilli, il direttore del Tesoro di Giulio Tremonti, si dirige verso Goldman Sachs dove farà l’advisor, che dirà Umberto Bossi? Adesso che il suo candidato a Bankitalia – perché “milanese”, ricorderete… – ci molla nel mezzo del caos per andare ad aiutare la più grande banca d’affari del mondo? A Bossi, uomo di poche parole e gesti di solito essenziali ma chiarissimi nel significato, la risposta.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta