E anche oggi è morto Fidel Castro

E anche oggi è morto Fidel Castro

E chi lo ammazza quello. Fidel, ancora una volta, è stato dato per morto. La notizia stavolta è apparsa su Twitter dall’account (falso) di Mario Monti, che cita come conferma perfino Olli Rehn

Mario Monti ‏ @presMarioMonti
La notizia della scomparsa di Fidel Castro mi viene ora confermata anche dal Vice Presidente della Commissione UE Olli Rehn. (@OlliRehn1)

Una bufala. L’ennesima, per il lìder maximo: solo nel 2012 sarebbe stato dato per defunto almeno tre volte. E allora, dato il suo alto tasso di mortalità, sono partite subito le ironie e le battute:

“Per la centesima volta è morto Fidel Castro, stavolta ad ucciderlo è stato Twitter”

“Il giorno in cui Fidel Castro morirà davvero, Twitter lo resusciterà”.

“E intanto fidel castro muore da giorni. è l’agonia più lunga del west o una megabufala?”

“Ogni mattina, a Cuba, Fidel Castro si sveglia e sa che dovrà correre più veloce di Twitter per non morire”.

“Fidel Castro smentisce la sua morte e dichiara: “Quando sarò morto ve lo annuncerò io stesso”.

“Fidel Castro è morto più volte di Goku”

“E’ morto Fidel Castro. Anche oggi”

“Fidel Castro è resuscitato più volte di Gesù Cristo”

Ma attenzione: il fenomeno è curioso. Come dice un twitteratore

il fake di Mario Monti conferma la twit-morte di Fidel Castro. C’è dell’arte in tutto questo.

Vero. Anche perché la notizia non circola solo in Italia, ma anche in altri paesi. E se da noi il primo a darla è stato il (falso) Mario Monti, per i latini è stato Luis de Guindos, ministro dell’Economia in Spagna. Insomma, una serie di falsi profili twitter che si parlano anche a livello internazionale. Monti, Olli Rehne de Guindos. Scrivono gli spagnoli:

Matar a Fidel Castro es una tradición mensual de Twitter

Un perfil falso de Luis de Guindos anuncia en Twitter la muerte deFidel Castro. ¡Como si no supiéramos que lleva años muerto!

“Fidel Castro” es como los gatos, tiene 7 vidas

Per dissipare ogni dubbio, Fidel Castro è vivo e sta anche bene. Solo pochi giorni fa si è recato a trovare Chavez in ospedale, sta bene e se la ride di queste voci. Anzi, secondo alcuni risponde. Così: 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta