Rivoluzione nel mondo del lavoro: cambia tutto tranne la pacchia per gli statali

Rivoluzione nel mondo del lavoro: cambia tutto tranne la pacchia per gli statali

Ma in tutto questo bailamme di articoli 18 che cadono e poi risorgono, di flessibilità in uscita ma poi forse anche in entrata, di licenziamenti più facili ma anche di (eventuali) ricorsi alla magistratura, di garanzie che si polverizzano ma che si ricreano (dovrebbero) sulla media-lunga distanza, di precari che restano precari e chissà quando si libereranno da questo marchio d’infamia, di imprenditori che si lamentano perché pagano un cicinin in più di contributi, insomma di lavoratori privati che in queste ore sono con il fiato sospeso perché non sanno che destino gli toccherà, ci sorge, esile, dal profondo, dal più sperduto luogo dell’anima, una domandina semplice semplice: ma i dipendenti statali continuano a stare con il sedere al caldo?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta