In Rai comanda ancora… Gasparri

In Rai comanda ancora... Gasparri

Alla Rai comanda ancora Gasparri. Nel pomeriggio – rispondendo a un’interrogazione – il ministro dei Rapporti con il Parlamento Piero Giarda ha confermato a Montecitorio che il prossimo Cda della tv di Stato sarà nominato con l’attuale normativa. Nessuna riforma, almeno per ora. In vista della prossima scadenza del consiglio d’amministrazione (l’assemblea degli azionisti sarà convocata l’8 maggio) si procederà al rinnovo dei vertici con la legge Gasparri. Il sistema cambierà, forse, in futuro: «Il governo – ha chiarito Giarda – è seriamente intenzionato ad aprire un dialogo con il Parlamento per una riforma della governance Rai». Si lamenta il Pd, che promette di disertare le nomine in commissione di vigilanza Rai. Festeggia il Pdl, che per bocca di Maurizio Gasparri apprezza «il realismo» del governo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020