Totò premia chi si è inventato il termine esodati

Totò premia chi si è inventato il termine esodati

Sarebbe bello sapere chi ha coniato il termine esodati. Meriterebbe un premio, uno di quelli alla Totò nel celebre film “Totò a colori”, preceduto dall’immortale frase: «La scienza va premiata». Non ricordiamo un termine più orrendo che peraltro non esiste nella lingua italiana. Ok, è un neologismo per indicare coloro i quali sono usciti dal mercato del lavoro con la promessa di una pensione futura e ora, con la riforma Fornero, si ritrovano in un limbo. Ecco, sarebbe meglio definirli limbati che esodati. Anche perché, se proprio vogliamo attenerci all’etimologia, l’esodo è la fuga degli ebrei dall’Egitto sotto la guida di Mosè. A parte che la fuga li conduce alla libertà, ma poi una domanda sorge spontanea: ma chi sarebbe Mosè? Mario Monti?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta