Chiude YouKioske, l’edicola gratuita online, arrestati i gestori

Chiude YouKioske, l'edicola gratuita online, arrestati i gestori

YouKioske abbassa la saracinesca. I tre responsabili del sito, che forniva gratuitamente le versioni pdf dei giornali cartacei di tutto il mondo, sono stati arrestati con l’accusa di pirateria della stampa scritta, violazione della proprietà intellettuale e “costituzione o adesione a una organizzazione criminale”. I fratelli David e Oscar Gonzalez Ruz e il socio Raùl Antonio Luque sarebbero stati fermati a Madrid nelle prime ore del mattino tra lunedì e martedì. Il giudice Pablo Ruz ha stabilito una cauzione di 10 mila euro per Gonzalez e di 5 mila per Luque. Il sito di YouKioske, intanto, è stato sospeso. E se si prova ad accedervi, il motore di ricerca dice che «la connessione è stata interrotta».

I fratelli Gonzalez e socio lavoravano nello scantinato di una villetta, dalla quale scaricavano legalmente i giornali di tutto il mondo, che poi venivano ripubblicati gratuitamente in Rete. Lo facevano così velocemente che i lettori e i contatti nel tempo sono aumentati a dismisura. Tanto che l’edicola online è arrivata a fatturare anche 100 mila euro al mese di pubblicità. Secondo i dati in possesso dal fisco spagnolo, YouKioske avrebbe raggiunto un fatturato di un milione di euro all’anno. 

Nell’edicola gratuita spagnola, c’erano sia quotidiani generalisti, economici o sportivi, sia riviste di moda e gossip. Spagnole e non. Alla organizzazione del portale avrebbero partecipato almeno otto persone. I tre spagnoli arrestati erano i proprietari della società, mentre gli altri si troverebbero all’estero. Secondo l’ordinanza del giudice, Youkioske era basato su un server canadese e il dominio era registrato alla società MilporMil Limited, con sede nel Belize. Lo scopo, scrivono i magistrati, era quello di «facilitare l’accesso» a varie pubblicazioni senza alcuna autorizzazione da parte degli editori.

Dopo un ricorso congiunto di Hearst e Condé Nast, a febbraio il tribunale di Alicante aveva già ordinato che YouKioske cessasse la sua attività. I due gruppi editoriali avevano chiesto il risarcimento dei danni subiti dalla pubblicazione gratuita delle proprie riviste. Ma i proprietari di YouKioske risposero che la competenza giudiziaria non era di Alicante ma del distretto di Madrid. E il sito era rimasto online. E in effetti i tre del “kioske” ora sono stati arrestati proprio grazie a una ordinanza emessa dalla Audiencia Nacional, il tribunale con sede a Madrid che ha giurisdizione su tutto il territorio spagnolo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta