Aldo Grasso sulla Rai ha ragione, ma quella pubblicità di Sky proprio non ci voleva…

Aldo Grasso sulla Rai ha ragione, ma quella pubblicità di Sky proprio non ci voleva...

Sul Corriere di oggi, Aldo Grasso si prende il gusto di menar ceffoni ai giornalisti sportivi di Raisport. Antica e autodistruttiva, dice. Loro sono bolliti e spocchiosi (le Ferrari, Bartoletti, Marco Mazzocchi, e Gene Gnocchi): non se ne può più, e noi siam d’accordo con lui. Toglieteli, se ancora ci volete bene. E si rivolge ai vertici Rai, cioè ai responsabili reali, quelli che li hanno messi lì e li lasciano anche.

Ma alla fine, inciampa: «La cosa peggiore è che adesso è partita la lagna: gli inviati di Raisport si sentono al centro di un complotto, pensano di essere attaccati dai giornali foraggiati dalla pubblicità di Sky». E lì, a pochi centimetri dal pezzo, campeggia proprio questo: 

Grasso ha ragione ma, che dire, un po’ più di furbizia grafica non guastava.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta