Se Monti ha i poteri forti contro

Se Monti ha i poteri forti contro

«Non nego che avremmo potuto fare di più e meglio». Parole del presidente del Consiglio Mario Monti che però ha rivendicato il carattere dirompente di alcune riforme, su tutte quella delle pensioni. Che dire? Per una volta siamo d’accordo con lui. Avrebbe potuto fare di più e meglio. E stavolta non sentivamo proprio l’esigenza di un’altra occasione sprecata. Ma Monti non si è fermato a questo.
Nel tracciare una sorta di bilancio, si è trovato addirittura a recitare il ruolo di personaggio scomodo. «Il mio governo e io – ha detto il premier – abbiamo sicuramente perso negli ultimi tempi l’appoggio che gli osservatori ci attribuivano da parte dei cosiddetti poteri forti: in questo momento – ha continuato Monti – non incontriamo il favore di un grande quotidiano, considerato voce autorevole dei poteri forti, e non incontriamo il favore di Confindustria». Ci perdoni, il professore, ma lui in lotta coi poteri forti proprio fatichiamo a immaginarcelo. Lo preferiamo in versione autocritica.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter