Ci manca solo un bel referendum (made by Di Pietro&Vendola) per ripristinare l’articolo 18

Ci manca solo un bel referendum (made by Di Pietro&Vendola) per ripristinare l’articolo 18

Sentivate la mancanza di una bella campagna referendaria tutta giocata sui simboli e poco o niente sulla sostanza? Eccovi accontentati: da ottobre – annuncia l’Idv di Antonio Di Pietro – si raccoglieranno le firme per abrogare la riforma Fornero e riportare alla luce il vecchio articolo 18. La campagna conterà sull’appoggio di Sel (partito di governo nel prossimo futuro, alleato naturale del Pd di Bersani che quella riforma ha emendato ma poi infine votato) e di gruppuscoli comunisti-comunisti (nel 2012). Stefano Fassina, resposnabile economico del Pd, spiega invece al Manifesto che “nel merito le posizioni sono vicine ma il metodo referendario è sbagliato”. 
A noi, nel nostro piccolo, viene già il mal di testa pensando a una campagna ideologica, fatta dall’Idv per mettere in difficoltà il Pd e un bel po’ di soldi pubblici che – eventualmente – saranno spesi per una battaglia di bandiera che nulla cambierebbe, tanto più che la riforma Fornero è uscita ampiamente smussata dai vari giri di modifiche normative. Intanto, le fabbriche continuano a chiudere, come prima della riforma: ma non ditelo a Di Pietro e Vendola se no si arrabbiano.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020