Greco piega Balbinot, il comando di Generali è tutto suo

Greco piega Balbinot, il comando di Generali è tutto suo

Nell’annuncio ufficiale diramato da Trieste suona così: «Generali, al via il nuovo assetto organizzativo per una gestione più integrata del gruppo». In concreto, significa che il neo amministratore delegato Mario Greco, arrivato ad agosto in sostituzione di Giovanni Perissinotto, ha ottenuto ciò che voleva: il comando unico del Leone e un passo indietro dell’altro amministratore delegato, Sergio Balbinot. Quest’ultimo si dimetterà  dal consiglio di amministrazione in coincidenza con l’approvazione della terza trimestrale, l’8 novembre, ma rimarrà nel gruppo come responsabile delle attività assicurative (“chief insurance officer”).

Generali mette così fine alla peculiarità del doppio a.d., come anticipato questa mattina da La Stampa, e si dota di una struttura a comando unificato in linea con molte altre compagnie europee. A questo punto, insomma, non ci sono più alibi nel rilancio del Leone: d’ora, in avanti, il manager arrivato dalla Zurich, dopo una carriera nel gruppo Allianza e un breve passaggo in Eurizon (gruppo Intesa Sanpaolo), dovrà concentrarsi sul business e far crescere il gruppo.

La revisione della struttura organizzativa, ratificata questa mattina da una riunione del comitato esecutivo, prevede la creazione di un “management committee”, un comitato di manager guidato da Greco, con Balbinot come vice, con il compito di definire concretamente le strategie e dare impulso unitario alla gestione, in una logica di squadra. Come chief insurance officer, Balbinot «avrà il compito di guidare le attività assicurative di tutto il gruppo presidiando lo sviluppo dell’eccellenza tecnica e la profittabilità dei business vita e danni a livello globale”, e gestirà anche le attività riassicurative.

Del comitato di manager faranno parte i responsabili dei tre principali mercati (per l’Italia Raffaele Agrusti, per la Francia Claude Tendil e per la Germania Dietmar Meister), il responsabile dei grandi clienti globali Paolo Vagnone, il capo della gestione dei rischi (chief risk officer) Sandro Panizza e il direttore finanziario Alberto Minali. Nel comitato, inoltre, rientreranno sia il responsabile della macchina organizzativa (acquisti, sistemi informativi) e il responsabile degli investimenti, ruoli non ancora assegnati e ricoperti ad interim dallo stesso Greco.

Twitter: @lorenzodilena

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter