Pizza ConnectionGang latinos, cocaina dal Sud America a Milano

I cani usati come corrieri per gli stupefacenti

Latin Kings, Comando, Neta e Mara Salvatrucha 13, meglio conosciuti come Ms13. Sono le gang latine che da quasi un decennio combattono una guerra cruenta e silenziosa alle porte di Milano e nei piccoli centri della Lombardia. Dalle indagini che portarono agli arresti nel febbraio 2012, è stato portato alla luce oggi dagli investigatori anche un vasto giro di spaccio internazionale di sostanze stupefacenti. In tutto sono arrivati provvedimenti restrittivi per 54 maggiorenni e 18 minorenni, e alla denuncia in stato di libertà di altri 112 tra ragazzi e ragazze, 98 maggiorenni e 14 minori.

È la prima volta in cui viene dimostrato il vincolo associativo, quindi con una struttura gerarchimente organizzata, tra i componenti delle pandillas, che secondo gli inquirenti si trovano direttamente in contatto con i cartelli sudamericani della droga per importare quantitativi di cocaina. In particolare le gang di latinos sarebbero stati in contatto con colombiani e messicani, ras della cocaina nel mondo, e avrebbero importato la sostanza con un metodo inquietante: confezionandola in modo da sfuggire ai controlli di sicurezza (avvolgendo la cocaina in cellophane, carta carbone e scotch vinile nero) e inserendola tramite operazione operazione chirurgica, nelle viscere di cani di grossa taglia come Labrador, Mastini napoletani, San Bernardo e Gran Danese. Una volta arrivati a destinazioni i cani venivano uccisi per poi estrarre la cocaina contenuta nei loro corpi.

Arresti e perquisizioni sono dunque intervenuti nelle province di Milano, Bergamo, Brescia, Lodi, Pavia, Piacenza, Novara, Roma e Varese, per cui gli indiziati dovranno rispondere dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro la persona, il patrimonio, traffico di stupefacenti e detenzione di armi.

Per approfondire: 

Dai Latin King a Ms13, la guerra delle gang per Milano

Dal Brasile a Milano: il lungo viaggio della cocaina

“La mia vita da imprenditore della coca a Milano”

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta