Per due famiglie italiane su tre lo stipendio non basta

Bassissima propensione al risparmio

LA DISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA

Uno stipendio basso, troppo basso per riuscire a vivere dignitosamente. A pensarlo sono due famiglie italiane su tre, il 65% del totale. Venticinque punti percentuale in più del 1990. È la povertà italiana che cresce, spinta da una crisi economica che erode il potere d’acquisto dei redditi e rende sempre più fragili. Soprattutto se si tratta di giovani sotto i 35 anni. Lo dicono due studi pubblicati dalla Banca d’Italia, “Le difficoltà del risparmio nelle valutazioni delle famiglie italiane” e “Il risparmio e la ricchezza delle famiglie italiane durante la crisi”.

I più colpiti sono i nuclei con un capofamiglia giovane. Le famiglie di under 35 povere sono il 29% contro il 12,8% del campione totale. Nel 1991 erano rispettivamente il 5,8% e il 9 per cento. Cresce anche la quota di giovani poveri sia per reddito che per ricchezza (variabile che include anche il possesso di una casa): dal 2008 al 2010 la percentuale è aumentata di oltre quattro punti. 

E se lo stipendio non basta, a diminuire è anche la propensione al risparmio, storicamente elevata in Italia rispetto agli altri Paesi. Ora invece l’Italia si trova al di sotto di Francia e Germania, che hanno mantenuto un tasso stabile. Dal 2008 al 2010 la percentuale è calata dal 12,1% al 9,7% del reddito disponibile lordo. Nello stesso periodo il tasso di risparmio delle famiglie con case in affitto (senza alcuna abitazione di proprietà) è diminuito dal 5 all’1 per cento del reddito. Mentre per i proprietari di casa, la propensione al risparmio si è ridotta solo di un punto. 

A fare fatica nel risparmio sono soprattutto i giovani, tra contratti atipici e stipendi anomali. La propensione al risparmio dei nuclei con capofamiglia di età inferiore a 35 anni è calata a picco, dal 17,8 del 2008 al 13,5 per cento del reddito del 2010.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta