Un anno fa moriva in campo Piermario Morosini

La tragedia nello stadio di Pescara

Piermario Morosini (nato a Bergamo il 5 luglio 1986) è stato un calciatore italiano, centrocampista. È morto in campo, a Pescara, mentre indossava la maglia del Livorno, il 14 aprile 2012, dopo essersi accasciato a terra al trentunesimo minuto del match.

Il 2 luglio 2012 sono stati resi pubblici i risultati definitivi dell’autopsia che hanno confermato i primi sospetti: a causare la morte del giocatore è stata una rara malattia ereditaria, la cardiomiopatia aritmogena. Il 10 settembre seguente il sostituto procuratore Valentina D’Agostino ha aperto un’inchiesta a carico del medico sociale del Pescara, Ernesto Sabatini, di quello del Livorno, Manlio Porcellini e del medico del 118 di Pescara, Vito Molfese, per il mancato uso del defibrillatore, previsto dalla procedura di pronto intervento, anche per capire se l’apparecchio salvavita avrebbe potuto aiutare il calciatore.

PER APPROFONDIRE:

Il caso Morosini e la polemica sull’assenza di defibrillatori

Morosini, è l’ora del mea culpa per la medicina sportiva

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta