Milano, se il Comune dà ai vigili computer fuori uso

Un caso da macchietta

Non si capisce bene da che parte prenderla. La notizia è che il Comune di Milano ha deciso di fornire ai suoi vigili urbani 556 nuovi computer. Belli, con lo schermo in Led e tastiera ergonomica. Solo che hanno un problema: non funzionano perché sono privi del software, che non è stato acquistato. «I fondi della spesa corrente non erano sufficienti per comprare tutto», fanno sapere dall’assessorato alla sicurezza. I computer, delle macchine vuote, in sostanza, per il momento possono tornare negli imballaggi. Almeno fino a settembre, «quando ci sarà uno stanziamento specifico che richiede l’autorizzazione del consiglio comunale in fase di bilancio». Insomma, la solita storia, sembrerebbe: un ennesimo caso di procedure ingolfate, lacci burocratici, acquisti avventati e, forse, un filo di incompetenza. Ci sarebbe da piangere. Ma per fortuna, in questo caso, sono riusciti anche a farci ridere.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta