Offese alla Kyenge: ma è necessario indagare Calderoli?

Dopo le scuse in Parlamento

Per Roberto Calderoli non sono bastate le scuse al Senato, al presidente della Repubblica, al paese e e alla diretta interessata per le sue parole non proprio ortodosse. Paragonare il ministro Kyenge a un orango non è accettabile, nemmeno in un clima pseudo-goliardico, acceso dall’entusiasmo (e che entusiasmo) dei militanti leghisti. Le scuse erano doverose e necessarie e forse era doveroso, secondo molti, anche rassegnare le dimissioni, che ha preferito invece non dare. Insomma, la cosa finirebbe anche qui, con qualche imbarazzo, qualche polemica e un po’ di sollievo. E invece no: è intervenuta, a caso ormai chiuso, la Procura di Bergamo, che ha fatto partire le indagini per diffamazione aggravata da odio razziale. Un procedimento che appare inutile, che con tutta probabilità morirà di fronte alle opposizioni dell’aula e che, di fatto, non aiuta nessuno. Se qualcuno si dovesse chiedere perché i tribunali siano sempre ingolfati e i procedimenti non finiscono mai in tempo, qui potrebbe trovare una risposta.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta