Sei musulmano, non parlare di Gesù: figuraccia di Fox

La televisione americana repubblicana

Fox News, il canale televisivo americano repubblicano e conservatore di proprietà della News Corporation di Rupert Murdoch, ha scatenato oggi un acceso dibattito in seguito ad un’intervista, realizzata all’accademico e storico americano-iraniano Reza Aslam.

Aslan, invitato in collegamento per parlare del suo ultimo libro “Zealot: The Life and Times of Jesus of Nazareth”, dedicato all’esplorazione delle radici storiche della figura di Gesù Cristo, è stato ripetutamente attaccato dalla conduttrice del programma. L’accademico è stato incalzato senza sosta poiché – secondo l’intervistatrice – la sua fede personale, l’Islam, sarebbe stata in contrasto con la scrittura di un libro sulla figura simbolo del Cristianesimo.

Imbarazzante l’insistenza della conduttrice, alle cui domande provocatrici Aslan non ha fatto altro che elencare i titoli conseguiti nella sua carriera: quattro lauree e un dottorato, con specializzazioni in Teologia, in Sociologia delle Religioni e in Nuovo Testamento conseguite all’Università della California e alla Harvard Divinity School, ed un gran numero di pubblicazioni e scritti sull’argomento della cristianità. 

Nulla di tutto questo ha convinto la conduttrice di Fox News, sempre arroccata sulla sua posizione: sei musulmano, quindi il tuo è un libro ricco di pregiudizi. Poco importa che il padre, il cognato e la moglie di Aslan siano cristiani. Ecco il video, in inglese: guardare per credere.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta