«Attenti al Berluscane», un cane «focoso»

Storie d’estate

Da Il Corriere del Veneto

«Vivacità amorosa, inversamente proporzionale all’età»: questo il motivo per cui lo aveva chiamato Berluscane

VERONA – Sul cancello d’entrata della casa di via Trieste 43 in Borgo Roma a Verona, il signor Imerio Mariotto aveva attaccato un tradizionale cartello «Attenti ai cani». E per onorare la più anziana delle sue bestiole, vi aveva aggiunto a mano il prefisso «Berlus». Il vecchio cane, ora deceduto, godeva infatti di una «vivacità amorosa, inversamente proporzionale all’età», ha raccontato il signor Mariotto a Corriere del Veneto

Senonché agenti della municipale – accortisi un po’ tardi del cartello, a dire il vero, visto che stava lì dal 2009 – hanno recapitato al padrone dei due cani una multa da pagare: 100 euro di multa, più 18,70 di spese di procedimento e spedizione, per aver aggiunto a mano al cartello «Attenti al cane» il prefisso «Berlus».

Questa la motivazione: «Il regolamento di polizia urbana prevede chiaramente che il cartello debba recare la dicitura “Attenti al cane” al di là di ogni aggiunta di fantasia che potrebbe, verosimilmente, generare un travisamento del suo significato da parte degli utenti della strada».

Il Signor Mariotto si è rivolto all’avvovato, Guariente Guarienti, che ha depositato l’opposizione al Giudice di Pace di Verona: «Suvvia, nessuno che passi dinanzi alla corte recintata dell’abitazione del Mariotto e che sappia leggere e scrivere e, aggiungiamo, far di conto, può minimamente essere tratto in inganno o pensare che il cortile sia abitato dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi».

Ma non solo. A Corriere del Veneto l’avvocato – minuzioso – precisa: «Con riferimento a possibili rischi per cani femmine che si presentassero al cancello, soprattutto se cagnette giovani e ambiziose, faccio notare come, a differenza degli esseri umani sempre teoricamente disponibili, cagne e cagnette per suscitare interesse devono essere in calore. Questo comporta che Berluscane debba rendersi disponibile solo quando è richiesto».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta