Cosa ho imparato guardando le ricerche degli italiani

Cosa ho imparato guardando le ricerche degli italiani

Non avevo assolutamente idea di cosa fosse la Zumba. L’ho scoperto googlando, come si fa in questo secolo per la maggiorparte delle cose che ignoriamo, fino a quando sarà possibile farlo. (Per i pochi che come me sono impermeabili a certi fenomeni culturali, cioè per quelli che vivono nelle grotte e per i distratti cronici: è una lezione di fitness. I cui movimenti aerobici sono scanditi da un sottofondo di musica afro-caraibica. Una roba inventata negli anni ’90 in Colombia allo scopo di colonizzarci. Essendo noi antropologicamente più sudamericani di loro ha funzionato). Ho guardato un video da 33 milioni di visualizzazioni. Don Omar-Zumba Campaign, e ho capito perché non ne sapevo nulla. Sono tutti coloratissimi e anni ’80; si tratta di balli di gruppo in spiaggia mischiati al culto della palestra e ai video MTV. Il tutto con un sottofondo dance latino che mi aspetto usino a Guantanamo per farsi rivelare i peggiori segreti. Il Male.

Ho googlato perché quando chiedevo cosa fosse questa “Zumba” ogni mio contatto mi defollouava dandomi del cavernicolo, al terzo tentativo senza successo ho capito: era una cosa che dovevo sapere.

Ho scoperto che gli italiani si sono chiesti se la Zumba, scusate se insisto, tra le altre cose li faccia anche dimagrire. È quanto dice Google per lo Zeitgeist del 2013, lo spirito del tempo. E allora vediamo qual è questo spirito. Gli altri termini correlati al dimagrimento sono: il cioccolato (lo so che ci sperate tanto, ma no), studiare (idem), la marijuana, lo yoga e dormire (i clienti di Etaly? Gli studenti del Dams?), la sauna. Cioè gli italiani chiedono a Google se abbuffarsi di zuccheri, ballare in spiaggia e dormire, faccia perdere loro peso. Spero Google abbia avuto il buon gusto di mentire: poltrite pure, i grassi si bruciano da soli, mica dovete faticare in palestra. E a Natale preparate latte e biscotti per le renne, bambini.

Sì, non mi vergogno di non sapere cosa sia la Zumba, né quindi di essere lontano dal Paese reale. Tra le cose che non sapevamo ci sono “gesuita”, riferito probabilmente a Papa Francesco, Swag, cioè al modo appariscente di una nicchia nera diventata, come con il twerk, popolare. Fai brutto zio. Ma abbiamo anche cercato “emerito”, e lo so che tutti in questo momento state pensando che sapete esattamente cosa vuol dire ma non sapreste spiegarlo. 

1 (anche come s.m.) Di chi conserva il grado, le prerogative e talvolta lo stipendio del proprio ufficio pur non esercitandone più le funzioni: consigliere e.

2 Egregio, illustre, anche con valore iron. e scherz.: un e. scienziato; un e. briccone

• sec. XIV

Nel 2013 abbiamo cambiato lingua a Ruzzle, suoneria a WhatsApp, residenza, look dei capelli e lampadine. E ci servivano istruzioni. Ci siamo chiesti anche cosa ci sarebbe successo se avessimo mangiato muffa, troppa carne, lumache crude. (Cibi ammuffiti come sintomo della crisi. Marmellate lasciate in frigorifero e un solo interrogativo: butto o levo la muffa?) E non sorprendono gli effetti: “meteorismo” e “ulcera”, e ci è andata pure bene. Il primo risultato, sempre nella categoria di parole chiave «mangiare» di Google, è “carta igienica”, e non si capisce se gli italiani vogliano mangiare anche quella o chiedano a Google di potergliela passare. Nuove frontiere tecnoigieniche. 

Abbiamo chiesto a Google perché votare Grillo, Bersani, Berlusconi, Monti. Perché “no Rodotà”, e perché “Frodo parte” (Google ci fa anche capire parti di sceneggiatura oscure). Abbiamo tentato di vendere ai cinesi, ai russi, iPhone 5, quadri online (ho scoperto che c’è un mercato di quadri astratti, fiori, animali, gente, feng shui, africani) e che si può cercare per colore. Se volete un TOFFI DIPINTO OLIO SU TELA SEDNA ARTE VENDITA QUADRI MARINE MARE D’INVERNO ST9, dovete affrettarvi, al momento mancano 4g 1h al termine dell’asta. Auguri.

Vogliamo perdere peso, migliorare il nostro aspetto senza fare sforzi, sapere come mangiare, conoscere persone e parole (per tacere di tutti quei risultati che riguardano la masturbazione, ma non c’è bisogno che vi dica nulla). Non sapevo nulla della Zumba ma Google è l’oracolo consultabile in ogni momento. Esserci, è meglio che non esserci, come sanno i giornali che hanno iniziato una battaglia che non potevano vincere. Ci sono poi contest che vanno fatti ad hoc. E qui ve ne sottopongo alcuni.