FOTONOTIZIALibano, attentato a leader dell’opposizione

fotonotizia

Una forte esplosione è avvenuta la mattina del 27 dicembre nel centro di Beirut, nei pressi dell’albergo Four Seasons e vicino alla sede del governo. Obiettivo dell’attentato Mohammed Shattah, ex ministro delle Finanze e braccio destro dell’ex premier libanese Saad Hariri (figlio di Rafiq Hariri, il premier libanese ucciso in un attentato nel febbraio 2005). Shattah è rimasto ucciso insieme ad almeno altre 8 persone. Una settantina i feriti.

Chi è Mohammed Shattah

Musulmano sunnita, Shattah era un uomo dell’opposizione molto vicino all’ex primo ministro Al Hariri. Molto critico nei confronti del regime del presidente siriano Bashar al Assad e contro Hezbollah, il gruppo sciita radicato nel sud della capitale libanese. Al momento dell’esplosione dell’autobomba, Shattah stava raggiungendo la Coalizione “14 marzo”, ostile al regime di Bashar al Assad e favorevole all’opposizione siriana.

L’ex ministro delle Finanze apparteneva anche al tribunale internazionale formato per indagare sull’assassinio di Rafiq Hariri, l’ex primo ministro libanese ucciso in un attentato il 14 febbraio 2005, padre di Saad Hariri, di cui Shattah era consigliere e braccio destro. 

Leggi spesso Linkiesta?

X

Registrati alle nostre newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre notizie.

Iscriviti alla Newsletter