Pd, trionfo di Renzi: basta alibi, ora tocca a noi

Stop agli inciuci e tagli alla politica

– Liveblogging 

23.01 Renzi conclude il discorso della vittoria: «Come si può non essere ambiziosi quando si è stati chiamati a guidare il partito più grande? Il meglio deve ancora venire, da domani ci divertiamo insieme».

22.56 Renzi: «Abbiamo perso l’autorevolezza del ruolo degli insegnanti: la recupereremo centimetro per centimetro»

22.55 Renzi: «La corrente dei renziani da stasera è ufficialmente sciolta». E va all’attacco: «In un paese civile non può bastare l’iscrizione a un sindacato per fare carriera». 

22.50 «Questa non è la fine della sinistra. Stiamo cambiando i giocatori, non stiamo andando dall’altra parte del campo», così Matteo Renzi davanti alla platea del teatro Obihall.

22.43 Renzi: «Uno che sta in politica e ha paura della parola “vincere” deve cambiare mestiere»

22.21 Con circa il 50% dei seggi scrutinati, in Lombardia Matteo Renzi si attesta al 68 per cento dei voti. Seguono Pippo Civati al 17% e Gianni Cuperlo al 15%. Hanno votato oltre 300mila persone.

22.19 Tiziana Ciprini, deputata del Movimento 5 Stelle, commenta su Facebook la vittoria di Matteo Renzi: «Congratulazioni all’ebetino di Firenze per il trionfo. I sottoprodotti del berlusconismo continuano a riscuotere successi in Italia». Sulla stessa linea la collega Giulia Di Vita: «Un uomo proveniente e con idee di destra a capo del partito storico della sinistra italiana. Finalmente trasparenza a tutto tondo!» Il deputato Angelo Tofalo punta la lente d’ingradimento sull’affluenza: «Il Pd è morto, dopo i 3,5 milioni di votanti alle primarie bloccate si passa ai 2,5 milioni di queste primarie apertissime».

22.15 «Una partecipazione al voto» alle primarie «così alta è fondamentale per fare del Pd un argine contro il populismo crescente». Così il premier Enrico Letta commenta il risultato delle primarie del Pd e l’elezione di Matteo Renzi a segretario. 

22.10 Anche Pippo Civati riconosce la vittoria di Matteo Renzi, a cui ha mandato un sms. In conferenza stampa il deputato lombardo ringrazia a rilancia: «Abbiamo un grande partito e oggi è la vera fondazione del Pd, con questo gruppo dirigente possiamo vincere le elezioni». 

22.06Nello storico circolo di Vie Nuove a Firenze, dove è iscritto il sindaco-rottamatore, Matteo Renzi ha ottenuto 1.546 voti. Al secondo posto si è piazzato Pippo Civati con 276 voti, mentre Gianni Cuperlo ha preso 230 preferenze. A Pontassieve, ad una ventina di chilometri da Firenze dove vive Renzi, il nuovo segretario del Pd conquista il 77% dei voti; Cuperlo ottiene il 12% e Civati l’11%.

21.57 Gianni Cuperlo in conferenza stampa dal suo comitato: «Ho fatto gli auguri a Matteo Renzi, nuovo segretario del Partito Democratico. Il mio comportamento nei suoi confronti sarà leale e sincero come del resto è stato finora. Mi sono candidato alla guida del mio partito e ho perso, la responsabilità è solo mia». A proposito dell’unità del partito Cuperlo aggiunge: «Il nostro treno è questo e nessuno scenda, Renzi sarà il segretario di tutti e noi ci saremo».

21.56 A metà dello spoglio in Calabria, 217 seggi su 380 (417 sul territorio), Matteo Renzi si avvia verso la vittoria con il 57,4% dei voti, seguito da Gianni Cuperlo al 34,3%. Pippo Civati è terzo con il 8,3%. I dati sono riportati sul sito del Partito Democratico nazionale. Per le Primarie del Pd vi sono stati sinora 172 voti nulli. Le schede sinora scrutinate sono 43.609

21.54 A metà delle sezioni scrutinate (4261 su 8476) Matteo Renzi al 68,4%, Gianni Cuperlo 17,9% e Pippo Civati 13,8%. Si legge sul sito del Pd. 

21.52 Matteo Renzi, in Emilia-Romagna è alcuni punti al di sopra della media nazionale: attorno al 71,5%, quando siamo a circa un terzo dello scrutinio. Nella regione rossa per antonomasia, Cuperlo rischia addirittura di perdere il secondo posto: il suo 14,9% è infatti insidiato dal 13,7% di Pippo Civati. Nel voto fra gli iscritti, Cuperlo aveva preceduto Renzi di poche centinaia di voti. 

21.46 Parla Guglielmo Epifani in conferenza stampa: «Si sta profilando una vittoria forte di Matteo Renzi, mi sembra un segno inequivoco. Il nuovo segretario avrà un mandato molto forte».

21.44 A Milano e provincia dove Renzi è per ora al 68%, Civati al 18,65% e Cuperlo al 15.90%

21.30 Continuano ad arrivare i dati ufficiali dal Partito Democratico. Con 4327 sezioni scrutinate su 8476 Matteo Renzi è in testa al 68,4% con 787.887 voti, a distanza Gianni Cuperlo (17,8%) e Giuseppe Civati (13,8%).

21.20 «Si sta profilando un risultato enorme, anche in virtù della partecipazione alle primarie», dichiara il deputato renziano Dario Nardella. «Questo dato avrà effetti sul partito e sul governo. Matteo Renzi non accetterà condizionamenti dalle correnti, ci aspettiamo un cambio di passo da parte dell’esecutivo».

21.12 «Faccio i complimenti a Matteo Renzi, da domani mattina si lavora tutti insieme», è quanto dichiara il viceministro dell’Economia Stefano Fassina. «Non credo che chi abbia votato Renzi abbia voluto archiviare il governo Letta, penso invece che dal voto di questa sera l’esecutivo possa uscirne rafforzato», precisa Fassina ai microfoni di SkyTg24.

21.09 Lo scrutinio regione per regione.

{C}{C}{C}{C}{C}{C}{C}{C}{C}

21.02 I dati in arrivo dal sito ufficiale del Partito Democratico

20.54 «Stando ai primi dati credo si possa dire che Matteo Renzi ha vinto». Lo afferma a SkyTg24 Maria Elena Boschi, deputato del Pd e organizzatrice dell’ultima Leopolda. «Avremo un Pd più determinato, coraggioso e forte, con un rinnovato entusiasmo».

20.44 Arrivano anche i primi dati ufficiali del Partito Democratico. Con 2235 sezioni scrutinate su 8476 Matteo Renzi si attesta al 68,4% con oltre 283.000 preferenze. Segue Gianni Cuperlo con il 18,2%, chiude Pippo Civati al 13,4%.

20.36 Il comitato di Renzi diffonde i primi dati. Su un totale di 323247 voti scrutinati, il sindaco di Firenze sarebbe ampiamente avanti con il 70% delle preferenze (226280), seguono distanziati Gianni Cuperlo (18%) e Giuseppe Civati (12%).

20.34 Matteo Renzi twitta: «Giornata difficile da dimenticare… Ci vediamo alle 22 all’ObiHall (Firenze Sud) e in streaming sul sito http://www.matteorenzi.it #cambiaverso»

20.17 «Non pongo limiti alla provvidenza. Vediamo se qualche soddisfazione ce la togliamo, se ci mettiamo davanti a qualcuno». Così Pippo Civati, all’arrivo al suo comitato elettorale a Roma, risponde a chi gli domanda se pensa di poter risultare secondo alle primarie per la segreteria, magari davanti a Gianni Cuperlo. «Ho detto che era possibile dal primo giorno, così come dicevo che sarebbero andati a votare più di due milioni di elettori. E se pure il papà di Renzi è preoccupato…». 

20.14 Epifani: «Primarie si confermano grande strumento di democrazia»

20.11  Epifani: «Siamo oltre le previsioni» I risultati si avranno intorno alle 22

20.07 Già in corso lo spoglio in alcuni seggi e gazebo

20.02 Romano Prodi a Skytg24: «Votare è stata una decisione sofferta»

20.01 Sono stati oltre 123mila i votanti registrati alle ore 17 in Veneto nei seggi delle primarie del Pd. Un’affluenza vicina a quella del secondo turno delle primarie di coalizione per il candidato premier, un anno fa. Code si sono registrate ai seggi del centro storico di Venezia, Treviso e Padova. Al momento il maggior numero di votanti è quello della provincia di Venezia, con un numero vicino ai 30mila.

19.49 Matteo Orfini twitta: «L’affluenza così alta è una vittoria per tutto il Pd. Chiunque vincerà sarà più forte grazie ai tanti che hanno scelto di partecipare»

19.48 Alle 17:30 in Sicilia alle primarie per eleggere il nuovo segretario del Pd hanno votato circa 80 mila persone. Previsti per le 20 – ore di chiusura dei gazebo – circa 100 mila votanti, secondo fonti del Pd. Alle scorse primarie alla fine i votanti furono 140 mila

19.34 Matteo Renzi arriverà tra le 22.00 e le 22.30 al Teatro Obihall di Firenze, dove il suo staff ha allestito la sala stampa per seguire lo spoglio dei risultati delle primarie. Alle 22.30, quando il quadro dei risultati dovrebbe essere abbastanza definito, il sindaco candidato alla segreteria potrebbe commentare i risultati.

19.20 Alle ore 17 nella provincia di Bologna (escluso il territorio imolese) alle primarie per la scelta del segretario nazionale del partito democratico di Bologna hanno votato 75.564 persone. Nel 2009, alla stessa ora avevano votato 69.580 persone. Lo ha scritto in una nota il Pd di Bologna.

19.09 Nessun problema alle primarie del Partito Democratico, a parte il caso di Enna. Qui come, riporta Livesicilia, ci sarebbero stati momenti di tensione. Il deputato Davide Faraone assieme ad altri esponenti dell’area Renzi ha occupato il seggio di Enna dove si sta votando per le primarie del Pd, annunciando che chiederà l’annullamento della consultazione nella città capoluogo più alta d’Italia. Secondo i ‘renziani’ i responsabili del seggio avrebbero impedito ad alcuni cittadini di votare “col pretesto – sostiene Faraone – che si trattava di esponenti del Megafono, in realtà si vuole impedire alla gente di votare per Renzi”.

Dalle 8.00 alle 20.00 le primarie del Partito democratico decidono chi fra Matteo Renzi, Gianni Cuperlo e Pippo Civati sarà il prossimo segretario del Pd. A mezzogiorno è stata dichiarata da Davide Zoggia una quota di votanti ad un passo dal milione (980.000). Nel pomeriggio, lo stesso Zoggia ha aggiunto che l’affluenza al voto sfiora i due milioni. «Un risultato che abbiamo ottenuto soprattutto negli ultimi giorni con la decisione della Consulta sul sistema elettorale e con il ritorno di Romano Prodi tra gli elettori delle Primarie». Il riferimento è alla decisione in merito alla legge elettorale della Corte Costituzionale e al cambio di orientamento del Professore che in un primo momento aveva dichiarato che non sarebbe andato a votare alle Primarie 2013. Si tratta delle terze elezioni primarie che riguardano direttamente il Partito Democratico, mentre quelle del 2012, in cui vinse Pier Luigi Bersani erano primarie della coalizione Italia. Bene Comune che si presentò poi al voto di marzo.