Il Bahrein in protesta

Fotonotizia Bahrein

In Bahrein la Primavera Araba non è mai davvero scoppiata. Dopo i moti del 2011, soffocati dal regime, è rimasta latente, e regolarmente si ripresenta attraverso proteste pro riforme democratiche nei villaggi sciiti attorno alla capitale, che sfociano spesso in scontri con la polizia. Quella fotografata è del 13 gennaio, a Diraz, a ovest della capitale Manama.  Le donne reggono i ritratti delle vittime delle proteste e chiedono la liberazione degli attivisti politici arrestati durante gli scontri dei mesi precedenti.

Tra i leader della protesta sciita, l’islamista Abdel Jalil, appartenente a una delle principali famiglie all’opposizione, gli AlMoqdad, e imprigionato. Il Bahrain Center for Human Rights ha condannato lo scorso settembre i continui arresti tra le principali famiglie all’opposizione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta