Il meccanismo del cervello per fissare i ricordi

Infografica

Nessuno sa con precisione come funzioni il cervello: ci sono però alcune certezze, bene illustrate in questa infografica, che val la pena ricordare. L’ippocampo, a quanto sembra, si occupa delle abilità cognitive: è la parte del cervello che custodisce quei ricordi dolci e preziosi della tua infanzia, dai primi giochi ai gelati etc. etc.

Poi c’è il cervelletto, che sovrintende alle abilità di calcolo e di coordinazione: controlla cioè i ricordi di situazioni che funzionano come meccanismi e che si apprendono seguendo, appunto, il meccanismo.

L’amigdala c’entra con l’apprendimento emotivo, fissa i ricordi che si acquisiscono con i traumi e le emozioni più o meno positive.

La cosa più interessante è che le informazioni che il cervello riceve ed elabora non sono altro che impulsi elettrici che colpiscono il cervello in un modo specifico, e che formano un ricordo.

Clicca qui per guardare l’infografica ingrandita.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta