Come sarebbero i dipinti se ci fossero stati i social?

Tra Twitter e Instagram

Se è vero che l’arte, per usare le parole di Edward Hopper, “è grandissima quando riflette il carattere del suo popolo”, la conclusione naturale è che l’epoca attuale veda emoji, faccine di wathsapp e altre novità della tecnologia integrate nei quadri. Come dire di no?

E allora si dice di sì, come ha fatto Nastya Ptichek, artista di Kiev che inserisce in dipinti famosi emoji e notifiche Instagram, update di Twitter e messaggi Facebook. “Il progetto è nato quando ho visto che molte emoji somigliavano tantissimo a dipinti famosi”. E allora, perché non accostarli?

L’idea di correlare la tecnologia e l’arte è racchiusa in questa fotogallery, trovata su Mashable.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter