Pressnews, i fatti di venerdì 19 aprile

Pressnews, i fatti di venerdì 19 aprile

Il meglio dei giornali stranieri sui fatti di oggi nel mondo

venerdì 19 aprile

UCRAINA

Il giorno successivo alla firma dell’accordo di Ginevra tra Usa, Russia, Ucraina e Ue per la de-escalation, i separatisti filorussi della «Repubblica di Donetsk» dichiarano di non sentirsi vincolati all’intesa siglata ieri, perché «non è stata firmata da loro» Guardian.

ALGERIA

Il presidente «malato» Abdelaziz Bouteflika vince le elezioni per il quarto mandato presidenziale con l’81,53% dei voti Al Jazeera.
La timeline di Al Jazeera che ricostruisce gli ultimi anni di storia del Paese. 

COREA DEL SUD

Mandato di arresto per Lee Jun-seok,il capitano del traghetto affondato al largo delle coste meridionali della Corea del Sud mercoledì 16 aprile con le 475 persone a bordo. Al momento del naufragio, al comando del traghetto c’era il terzo luogotenente, una ragazza di 26 anni assunta sei mesi prima e con un solo anno di esperienza alle spalle. Lo ha affermato il procuratore Wall Street Journal.

CENTO ANNI DI SOLITUDINE

È morto oggi lo scrittore colombiamo Gabriel García Márquez. Il saluto del New Yorker a uno scrittore «ordinariamente magico». 

WASHINGTON POST ACCUSA SNOWDEN

Mancanza di dignità. È questa l’accusa lanciata dal Washington Post a Edward Snowden, che ieri era tra coloro che hanno rivolto domande al presidente russo nel corso della sua lunga apparizione televisiva. «Ha rinunciato a ogni rimanente barlume di dignità», scrive il giornale. La sua «timida» domanda sulle attività di raccolta dati della Russia, secondo il quotidiano Usa, ha permesso a Putin di rispondere in maniera «fuorviante» e «disonesta» Washington Post.

LETTURE SERALI

Il presidente tunisino Moncef Marzouki taglia il proprio stipendio di due terzi. «In questa situazione finanziaria grave, lo Stato deve essere un modello», dice. Al Jazeera.

I più ricchi vivono più a lungo. Le ultime conseguenze della disuguaglianza sociale in una ricerca del Brookings The Atlantic

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020