Come leggere in modo corretto il linguaggio del corpo

Come leggere in modo corretto il linguaggio del corpo

Secondo Albert Mehrabian, professore della UCLA, il 55% di quello che si comunica deriva dal linguaggio del corpo; il 38% dall’uso della voce e solo il 7% dalle parole che si usano. Si tratta di una parte importante: molti ne hanno parlato, e l’argomento è sempre più discusso in rete. LinkPop non poteva mancare.

Ci sono siti che riescono a individuare una fitta serie di segni e li elencano. Ad esempio, Business Insider ne trova tantissimi Noi ci siamo fermati a cinque, che ci sembrano quelli più importanti. E ve i raccontiamo.

Il classicone: i sorrisi senza strizzare gli occhi non sono autentici

Si tratta dell’opposizione tra “sorriso Duchenne” e “sorriso Pan Am”. Il primo, che prende il nome dal neurologo francese François Duchenne, è quello che coinvolge più o meno tutti i muscoli facciali: se si sorride con sincerità, si formeranno delle pieghe anche vicino agli occhi. Il secondo, invece, è quello delle hostess della Panamerican Airlines, che sorridevano sempre e in qualsiasi situazione. E non è proprio un indice di sincerità.

Attenzione alle sopracciglia

Sono un segnale nascosto ma cui si dovrebbe fare attenzione: il ciglio rialzato, in ogni caso, è sempre segno di disagio. Esprime sorpresa, preoccupazione e paura. Di solito non lo si controlla, e può essere un buon indizio per chi volesse cercare di capire se l’interlocutore è sincero o no.

Alti e bassi

La voce è uno degli strumenti meno sorvegliati, e per questo uno dei più rivelatori. Soprattuttto in momenti di coinvolgimento e debolezza particolari, come quelli in cui si vede/si incontra una persona da cui si è attratti. Le donne infatuate perdono il controllo, e la voce diventa una cantilena di alti e bassi. Gli uomini la abbassano di un’ottava.

Guardarsi negli occhi

Un segno di attenzione nei confronti dell’interlocutore: può essere positivo o negativo (uno sguardo di sfida, di intimidazione), e questo lo sanno tutti. Non è altrettanto noto invece che fissare gli occhi troppo a lungo, con eccessiva insistenza, può significare insincerità. È il tentativo di certi bugiardi di non abbassare gli occhi: per reazione guardano fisso. Ed esagerano.

Il linguaggio del corpo non ha un segno unico: ha anche combinazioni

Per indicare l’attrazione, non basta un unico gesto. È un’insieme, una sequenza di movimenti che segue un ordine preciso. Ad esempio, come spiega la neuropsicologa Marsha Lucas, se lei è attratta «cerca il contatto visivo, guarda in basso, si tocca i capelli e poi rialza gli occhi, tenendo il mento abbassato». 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter