Cosa chiedono di voi alla rete i datori di lavoro

Cosa chiedono di voi alla rete i datori di lavoro

Succede sempre di più negli Usa, ma prende piede anche in Europa. I datori di lavoro, prima di selezionare i candidati, fanno una cosa molto semplice: li cercano su Google. Inquietante? No, normale, anzi normalissimo. Google è usato tutti i giorni per fare le ricerche più strane, questa rientra in un’ottica del tutto comprensibile. E cosa guardano di quello che cercano su Google? Lo spiegano qui:

Che aspetto avete

Sembra logico. A questo punto la cosa migliore è diffondere in rete (anche attraverso i social) delle fotografie di voi il più possibile impegnati a lavorare, con aspetto serio e rassicurante. Non deve essere per forza uno scatto fatto da un professionista, ma deve mettere in evidenza la vostra professionalità.

I vostri risultati professionali

Un consiglio: preparatevi una sorta di curriculum online. È la cosa migliore per mostrare quello che avete realizzato, il vostro percorso professionale e i vostri obiettivi. Vi prenderanno sul serio (se siete seri).

L’ampiezza della vostra impronta digitale

I datori di lavoro vogliono sapere anche come vi presentate e come interagite online con gli altri. Almeno il 96% dei cacciatori di teste usano LinkedIn – e questo è un suggerimento neanche troppo velato che dovete avere un profilo LinkedIn perfetto, oltre a Facebook e tutti gli altri. Se non si bazzica sui social network (ma ormai chi non lo fa?) si rischia di restare fuori dal giro.

Clicca qui per leggere gli altri consigli su come gestire la propria immagine in rete per i datori di lavoro

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter