L’impressionismo era solo una questione di miopia

L’impressionismo era solo una questione di miopia

La domanda è legittima: è possibile che gli impressionisti dipingessero i quadri in modo così sfumato solo perché erano miopi? Un’ipotesi che manderebbe al macero libri su libri e analisi e commenti, e in tutta onestà, non ci sentiamo di appoggiarla.

C’è chi però ha pensato di sfruttare questa suggestione, e ne ha fatto una pubblicità. È la società francese Keloptic, che produce occhiali. E mostra come, grazie alle sue lenti, anche i dipinti impressionisti diventino all’improvviso chiari e lineari.

Tra le opere utilizzate nella pubblicità appaiono la Cattedrale di Rouen di Monet, l’Autoritratto di Van Gogh, la Modella di spalle di Seurat. Da vedere. Per bene.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter