Non date il biscotto a Cristiano Ronaldo

Non date il biscotto a Cristiano Ronaldo

Noi italiani di biscotti calcistici ce ne intendiamo. Li abbiamo provati (dicono), li abbiamo subiti (Euro 2004). Stasera potrebbe essercene un altro, ma noi non c’entriamo perché lo sapete bene com’è finita per l’Italia a questo Mondiale. Stasera giocano Germania-Usa e Portogallo-Ghana. Alle prime due basta un pareggio per passare. Mentre il Portogallo deve vincere e sperare che il tedesco Klinsmann, ct Usa, non regali un pareggio alla propria Patria sbattendo Cristiano Ronaldo fuori dal Brasile.

Per CR7 è stato fino ad ora un Mondiale deludente. Arrivato da vincitore di Pallone d’Oro e Champions, da lui era lecito aspettarsi di più. Anche perchè in stagione ha fatto gol così:

  

Soprattutto in un torneo in cui i solisti si stanno esaltando: Messi, Neymar, Muller…e Cristiano ancora a quota zero. Certo i malanni fisici non gli stanno permettendo di portarsi come sempre sulle spalle la nazionale, ma per lui stasera è il classico bivio da dentro o fuori. Di certo c’è che il portoghese preferirebbe un bacalhao della vittoria al biscotto della sconfitta. 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter